Canone concordato: un’opportunità per tutti

12/10/2017 in “MutuiOnline informa

Canone concordato: un’opportunità per tutti

L’affitto a canone concordato è un’opportunità non solo per chi prende un immobile in locazione, ma sicuramente anche per chi affitta. Come abbiamo scritto in "Canone concordato: novità e numeri inaspettati", una ricerca di Solo Affitti rileva il 53,9% dei contratti di affitto stipulati con questa formula: oltre la metà, e in crescita rispetto al 53,4% dello scorso anno.

A contribuire ad aumentarne la popolarità, gli aggiornamenti intervenuti con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del Decreto interministeriale del 16 gennaio 2017, che hanno rinnovato le regole e introdotto importanti variazioni rispetto al precedente DM del 30/12/2002.

È necessario premettere che la concezione classica di canone concordato era quella di un contratto che trovava applicazione esclusivamente nei Comuni ad alta densità abitativa e che pur “autorizzando le parti contraenti a definire liberamente il suo contenuto, li vincolava in ordine al valore del canone e alla durata del contratto”. Il modello contrattuale standard del canone concordato doveva essere inoltre predisposto dalle associazioni rappresentative della categoria dei proprietari e di quella degli inquilini, sulla base di un accordo territoriale.

Il nuovo decreto introduce importanti novità alla vecchia disciplina. In tema di territorio di competenza, ad esempio, perché adesso è possibile siglare contratti a canone concordato dovunque, anche nei comuni privi di alta tensione abitativa, pur sempre sulla base di accordi territoriali. E in tema di vantaggi fiscali, visto che l’ultima finanziaria ha abbassato del 25% l’IMU per i proprietari che affittano a canone concordato e ha ridotto del 30% la base imponibile sulla quale calcolare l’IRPEF in dichiarazione dei redditi. In alternativa, il locatore può avvalersi della cedolare secca, la tassazione diretta sul reddito percepito ridotta nel 2017 al 10% nei comuni ad alta tensione abitativa e limitrofi.

Anche grazie agli affitti a canone concordato il mercato delle locazioni nel territorio di Milano registra una ripresa e la città più metropolitana d’Italia può allargare la sua cerchia accogliendo anche nelle aree limitrofe alla cintura i molti giovani che necessitano di condizioni agevolate per accedere al mercato immobiliare. Secondo il viceministro dell’Economia e delle finanze Enrico Morando, l’interesse verso il canone concordato è in crescita anche da parte delle istituzioni e indispensabile sarà rinnovare la cedolare secca del 10% sugli affitti, in scadenza il prossimo 31 dicembre.

Milano rimane comunque la regina incontrastata dell’immobiliare e non solo delle locazioni. Come riportiamo in "Affitti, a salire è soprattutto l’offerta", l’offerta è di circa 37.000 appartamenti in vendita e 12.000 in locazione, mentre le richieste vedono una tendenza opposta: 30.000 abitazioni in locazione e 10.000 in acquisto.

Ricordiamo che per chi volesse investire in una seconda casa da mettere a reddito in un mercato importante come quello milanese e desiderasse stipulare un mutuo, la soluzione è di confrontare le offerte presentate su MutuiOnline.it e individuare in pochissimi minuti quella più adatta al proprio profilo di investitore. Un finanziamento a tasso variabile di 120.000 euro per un valore dell’immobile di 200.000 euro a tasso variabile costerebbe a un milanese 545,21 euro mensili. Il prodotto è del Banco di Sardegna e si chiama Mutuo Facile – Tasso Variabile Euribor, al Tasso variabile dello 0,88% e Taeg 1,25%. Le spese iniziali sono per l’istruttoria di 700 euro e per la perizia, di 254,16 euro.

Se invece si opta per un tasso fisso, alle stesse condizioni l’indicazione di MutuiOnline.it è Mutuo Spensierato di BNL – Gruppo BNP Paribas. La rata è di 595,76 euro al Tasso fisso dell’1,80% e Taeg 2,19. Le spese di istruttoria sono di 960 euro, 300 euro quelle per la perizia e il richiedente alla fine del finanziamento non dovrà aver superato gli 80 anni, il garante 85 anni (derogabile a discrezione della banca).

A cura di Paola Campanelli
Come valuti questa notizia?
Canone concordato: un’opportunità per tutti Valutazione: 5/5
(basata su 4 voti)
Segnala via email Stampa
ARTICOLI CORRELATI:
I migliori mutui prima casa di settembre 2019 pubblicato il 14 settembre 2019
Mutui: surroghe e tasso fisso le star del mercato pubblicato il 12 novembre 2019
I migliori mutui ristrutturazione di ottobre 2019 pubblicato il 29 ottobre 2019
La breve guida alla scelta del mutuo migliore pubblicato il 18 ottobre 2019
Mutui prima casa, come funziona il Fondo di garanzia pubblicato il 29 ottobre 2019
RICERCA MUTUO
Comune di domicilio
Comune dell'immobile