Logo MutuiOnline
Altri marchi del Gruppo

Simulazione variazione della rata del mutuo variabile

Esistono diverse tipologie di mutuo che si differenziano per alcune caratteristiche principali, tra cui il tasso d’interesse applicato. I più comuni sono il tasso fisso e il variabile, ma ne esistono di altre tipologie, come il tasso misto, il capped rate e il tasso bilanciato. Mentre per i mutui a tasso fisso la rata mensile è già stabilita, la rata del mutuo a tasso variabile subisce oscillazioni nel tempo dovute alla variazione degli indici di riferimento (Euribor o BCE). Questo strumento ha lo scopo di aiutarti a simulare il possibile impatto che una futura variazione dei tassi avrà sulla rata mensile, sulla quota interessi e sul totale da rimborsare alla banca del tuo mutuo a tasso variabile. Basterà inserire alcune caratteristiche fondamentali relative al tuo mutuo, scegliere il periodo interessato dalla variazione (in anni) e l’entità dei tassi previsti per produrre diversi scenari di come tale variazione impatterà sull’importo della rata mensile, sulla quota interessi e sul totale da rimborsare alla banca.

SIMULAZIONE VARIAZIONE RATA: INSERISCI I PARAMETRI DEL MUTUO

  Importo del mutuo
Durata del mutuo anni
Indice del tasso
I principali indici di riferimento per i mutui a tasso variabile sono l’Euribor, il tasso d’interesse medio delle transazioni finanziarie in euro tra le principali banche europee, e il tasso BCE, ossia il costo del denaro che la Banca Centrale Europea offre in prestito alle banche. La scelta di ancorare il tasso del proprio mutuo all’uno o all’altro indice deve tener conto di due caratteristiche principali: la variabilità nel tempo dell’indice di riferimento (l’Euribor subisce variazioni giornaliere, mentre il tasso BCE rimane più stabile); lo spread, che altro non è se non il margine d’interesse bancario – ovvero la percentuale di guadagno applicata dalle banche al costo del denaro, ed un tasso che va a sommarsi all’indice Euribor o al tasso BCE per determinare il tasso d’interesse applicato al mutuo. È bene sapere che, tendenzialmente, lo spread è più alto per mutui legati al tasso BCE e più basso per mutui legati all’indice Euribor. Occorre soppesare vantaggi e svantaggi di entrambi, tenendo conto che non esiste un mutuo in assoluto migliore.
Indice del tasso
Spread del mutuo
Lo spread è la percentuale di guadagno della banca sul denaro offerto in prestito, e che si somma all’indice di riferimento (Euribor o BCE per i mutui a tasso variabile, EurIRS per i mutui a tasso fisso) per determinare il tasso del mutuo.
Spread del mutuo %
Tetto massimo del tasso (Cap)
Se previsto dal contratto sottoscritto, inserire il valore massimo raggiungibile dal tasso d’interesse del mutuo.
Tetto massimo del tasso (Cap) * % (facoltativo)
1° Periodo
Inserire la durata del 1° periodo in cui si ipotizza valido il tasso attuale.
1° Periodo
Tasso 1° periodo Durata 1° periodo
% (attuale) anni
* Parametro facoltativo CALCOLA
icona strumenti di calcolo
Scopri gli altri strumenti di calcolo: Oppure fai subito un preventivo per:
Oppure clicca qui per essere richiamato
RICERCA MUTUO
Comune di domicilio
Comune dell'immobile