Altri marchi del Gruppo:
Trovaprezzi
Prestitionline.it
Segugio.it
logo mutuionline.it
Chiama gratis 800 99 99 95 Chiama gratis 800 99 99 95

Coronavirus, via al piano di rinegoziazione dei mutui per gli enti territoriali

Pubblicato il 01/05/2020

Aggiornato il 19/05/2020

Coronavirus, via al piano di rinegoziazione dei mutui per gli enti territoriali

È previsto per il 6 maggio il via libera al nuovo piano di rinegoziazione dei mutui lanciato da Cassa Depositi e Prestiti per supportare Comuni, Province, Città metropolitane, Unioni di Comuni, Comunità Montane, Regioni e Province Autonome ad affrontare l’emergenza Coronavirus.

Quella che partirà nei prossimi giorni è la più grande operazione di rinegoziazione dei mutui messa in campo negli ultimi anni da CDP. L’operazione riguarderà infatti circa 7.200 enti territoriali per complessivi 135.000 mutui rinegoziabili; tale intervento andrà a liberare risorse fino a 1,4 miliardi di euro.

Cassa Depositi e Prestiti, attraverso la circolare n.1.300, ha reso pubbliche le modalità operative per procedere alla rinegoziazione da parte degli enti locali. "CDP metterà a disposizione di ciascun ente locale - nel periodo di adesione che va dal 6 al 27 maggio 2020 - l’elenco dei prestiti originari, rendendo note le relative condizioni economiche di rinegoziazione in una sezione del Portale Enti Locali e PA del proprio sito internet, nella quale potrà essere interamente finalizzato l’iter istruttorio e contrattuale", si legge in una nota.

Seminari via web per supportare gli amministratori

L’operazione, che prenderà il via a maggio, permetterà agli enti di liberare risorse immediatamente utilizzabili sul territorio, che potranno essere destinate anche agli interventi necessari a far fronte all’emergenza epidemiologica da Covid-19, da settimane ormai presenta come sfondo il nostro Paese.

In vista dell’avvio della rinegoziazione dei mutui, CDP, ANCI, IFEL e UPI hanno organizzato un ciclo di seminari via web, suddivisi su base territoriale, che partiranno dal prossimo 30 aprile. I webinar saranno finalizzati a fornire supporto agli amministratori e ai servizi finanziari degli enti locali sull’iter, sugli aspetti documentali e sui termini di adesione all’operazione.

"La rinegoziazione dei mutui approvata da CDP, anche su richiesta di ANCI e UPI, nell’ambito delle iniziative di supporto per fronteggiare l’emergenza epidemiologica da Covid-19 – si legge in una nota congiunta - prevede, per tutti i prestiti che saranno rinegoziati dagli enti locali, una pressoché totale riduzione delle quote capitale da corrispondere nel 2020, consentendo così di liberare ingenti risorse finanziarie per un ammontare fino a 1,1 miliardi di euro".

Come funziona

L’iniziativa, rivolta ai Comuni, alle Province, alle Città metropolitane, alle Unioni di Comuni, alle Comunità montane, alle Regioni e alle Province autonome, nasce per sostenere le amministrazioni in questo periodo di emergenza. Tre sono gli step principali di questa operazione:

  • Scegli i mutui che vuoi rinegoziare: visiona le condizioni di rinegoziazione e seleziona i mutui che intendi rinegoziare;
  • Conferma le proposte di Cdp, genera la domanda e gli altri documenti necessari e infine carica la documentazione richiesta;
  • Ricevuto l’esito dell’operazione, va inviata la proposta contrattuale. Verrà inviata poi via Pec la conferma del perfezionamento entro il 19 giugno.

Possono essere rinegoziati i prestiti ordinari a tasso fisso, variabile e flessibili; oneri di ammortamento interamente a carico dell’Ente beneficiario; in ammortamento dal primo gennaio 2020 con debito residuo pari o superiore a 10mila euro e scadenza successiva al 31 dicembre 2020.

Sono inclusi - si legge nella circolare diffusa da Cdp - nella rinegoziazione, anche i prestiti oggetto di precedenti operazioni di rinegoziazione attivate dalla Cassa Depositi e Prestiti successivamente alla trasformazione in società per azioni, nonché quelli rinegoziati ai sensi del Decreto del ministro dell’Economia e delle Finanze del 20 giugno 2003. Inoltre sono rinegoziabili i prestiti intestati ad Enti in procedura di dissesto, purché, al momento della domanda di rinegoziazione, risulti approvata l’ipotesi di bilancio stabilmente riequilibrato.

Non possono essere invece rinegoziati i prestiti intestati agli Enti colpiti dagli eventi sismici del 2012 (che hanno interessato le regioni Emilia-Romagna, Lombardia e Veneto), del 2016 e 2017 (che hanno interessato le regioni Lazio, Abruzzo, Marche, Umbria), e del 2017 (Isola di Ischia), per i quali la CDP ha autorizzato il differimento del pagamento delle rate in scadenza nel 2020.

A cura di: Tiziana Casciaro

Confronta i mutui delle migliori banche

Fai un preventivo e risparmia

Articoli correlati