Altri marchi del Gruppo:
Trovaprezzi
Prestitionline.it
Segugio.it
logo mutuionline.it
Chiama gratis 800 99 99 95 Chiama gratis 800 99 99 95

Mutui green: le potenzialità del mercato delle ristrutturazioni

Tra i motori dei mutui green ci sono, oltre all’incentivo ad acquistare un immobile energicamente prestante, la scelta delle famiglie di rinnovare la casa di proprietà in funzione del risparmio energetico e del rispetto dell’ambiente. Le banche hanno allargato i criteri necessari per usufruirne.

29/11/2022
un modellino di casa verde si solleva dalle mani di una persona
Analisi del mercato dei mutui green

Nell’ambito del credito immobiliare, negli ultimi cinque anni, ha preso vita, e si è progressivamente ingrossata, la corrente dei mutui green. Così, la maggior parte delle banche ha adeguato l’offerta ipotecaria alla crescente vena ‘ambientalista’ emersa nel Paese, soprattutto tra i giovani (particolarmente affascinati dai temi di sostenibilità e risparmio energetico).

Nella stessa direzione hanno avuto un ruolo importante anche le iniziative del Governo, tra cui spicca il Superbonus 110%: un’agevolazione fiscale mirata al miglioramento della classe dell’edificio mediante la riqualificazione dell’isolamento e/o dell’impianto (con o senza fotovoltaico) con almeno due ‘salti’ di classe.

Criteri di idoneità allargati

Nel mercato italiano oggi, secondo Prometeia, in sintonia con i parametri definiti dall’Energy Efficient Mortgage Initiative, vengono offerti mutui per la sostenibilità che in prevalenza garantiscono uno sconto sul tasso intorno allo 0,10% a clienti che acquistano una casa di classe energetica B o superiore, oppure che dimostrano un miglioramento della performance energetica dell’edificio del 30%.

Alcuni istituti hanno allargato il bacino dei potenziali beneficiari considerando idonei anche gli edifici che, previa ristrutturazione, beneficiano di 1-2 salti nella scala di classe energetica. Infatti, secondo l’analisi, questa mossa potrebbe interpretarsi come un tentativo di rendere il mutuo green più accessibile, considerando che il parco immobiliare del nostro Paese presenta un livello di efficienza energetica media molto al di sotto dello standard di idoneità al mutuo green.

Scopri la convenienza del mutuo green fai subito un preventivo

Il 90% degli immobili sono di categoria C o inferiori

La realtà immobiliare italiana in numeri: il 90% degli immobili appartiene alla classe energetica C o inferiore (la peggiore è la G, che copre il 33,6%). Nella classe A fanno parte il 7,2% degli edifici e nella B il 2,8%. Su un campione di circa tre milioni di case - secondo un’elaborazione di Prometeia dei dati ENEA - solo un 10% fornirebbe ai mutuatari la classe energetica adatta per usufruire delle condizioni vantaggiose di un mutuo green con finalità di acquisto.

Ne consegue, sottolineano gli esperti, che la presenza contenuta di immobili ad alta efficienza energetica nel nostro Paese determina un limite oggettivo all’espansione del mercato dei mutui green con pura finalità di acquisto.

Gli incentivi statali hanno aumentato la consapevolezza

Una realtà che lascia ipotizzare che il motore del segmento mutui green possa essere (non tanto l’incentivo ad acquistare un immobile energeticamente prestante) la scelta delle famiglie di rinnovare l’edificio di proprietà, soprattutto in un periodo come quello attuale, caratterizzato da prezzi dell’energia alle stelle e, come accennato, da benefici economici statali per le ristrutturazioni.

Questi ultimi, in particolare, hanno avuto un doppio ruolo: da una parte hanno aumentato la consapevolezza degli utenti sulla convenienza e l’utilità di una riqualificazione energetica e, dall’altra parte, hanno messo in moto strumenti finanziari privati in grado di incentivare le famiglie.

Perché i mutui green sono appetibili?

Il cliente quando sceglie un mutuo green è allettato soprattutto dalle condizioni di favore che vengono applicate e dal risparmio in bolletta derivante dal miglioramento in efficienza energetica della sua casa. Al contrario, secondo una ricerca, il tema della sostenibilità ambientale non influisce in modo particolare.

I potenziali mutuatari, secondo Prometeia, segnalano un forte interesse verso servizi complementari al finanziamento green. In media, i rispondenti europei si mostrano attratti da servizi aggiuntivi che gli istituti possono offrire per supportare il processo di idoneità al mutuo green, come ad esempio certificazioni energetiche gratuite degli immobili.

Scopri i migliori mutui verdi di oggi confronta le offerte
A cura di: Fernando Mancini

Articoli correlati