Altri marchi del Gruppo:
Trovaprezzi
Prestitionline.it
Segugio.it
Chiama gratis 800 99 99 95 Chiama gratis 800 99 99 95

Mutui giovani prima casa: come inoltrare la domanda al Fondo di garanzia

Avere meno di 36 anni e un Isee inferiore ai 40.000 euro sono le condizioni necessarie per beneficiare del Fondo di garanzia mutui prima casa all'80%. Il riferimento per farne richiesta è sempre la banca che concede il mutuo, mentre il modulo da compilare è disponibile sul sito di Consap.

Pubblicato il 07/07/2021

Aggiornato il 14/07/2021

Il modulo per fare richiesta del Fondo di garanzia è scaricabile dal sito di Consap

Dallo scorso 24 giugno è disponibile il modulo da compilare per accedere al Fondo di garanzia straordinario dell’80% sul mutuo prima casa.

Il Decreto Sostegni bis, che introduce il nuovo Fondo di garanzia mutui prima casa, stabilisce disposizioni che hanno valore di legge, ma attende la conversione in Parlamento: questo lo rende suscettibile di ulteriori aggiustamenti, ad esempio la data di scadenza dell’agevolazione, attualmente fissata per il 30 giugno 2022 ma che si richiede a gran voce di prorogare fino a fine anno.

Il Fondo esiste dal 2014, ma nella sua stesura ufficiale prevede la copertura del 50% del mutuo con la garanzia di Stato.
Il recente Sostegni bis estende la garanzia all’80% della quota capitale nei casi in cui il rapporto tra l’importo del finanziamento e il prezzo d’acquisto dell’immobile, comprensivo degli oneri accessori, sia superiore all’80%, e concede una serie di agevolazioni fiscali per gli under 36 che si apprestano ad acquistare una casa.

Mutui e giovani: tassi ai minimi e agevolazioni confronta i mutui per giovani

A chi rivolgersi per fare domanda di adesione al Fondo

Come specificato da Consap sul sito internet, “è sempre facoltà della banca in base a proprie ed esclusive valutazioni decidere sulla concessione del mutuo e sul ricorso alla garanzia del Fondo”.

Il modulo è dunque scaricabile dal sito della Concessionaria dei Servizi Assicurativi Pubblici, ma il riferimento rimane sempre la banca presso la quale si è fatta richiesta di mutuo. Sullo stesso sito internet è possibile consultare l’elenco degli istituti di credito aderenti.

All’interno del form bisogna inserire i dati personali, il tipo di mutuo richiesto, se per acquisto, per ristrutturazione o efficientamento energetico, o ancora acquisto con accollo da frazionamento, e allegare i documenti d’identità e la certificazione Isee.

I tempi per ottenere la Garanzia

Una volta compilato il modulo di accesso alle garanzie statali sulla prima casa, occorre recapitarlo alla Banca o all’intermediario finanziario, che a sua volta dovrà farlo pervenire a Consap che avrà 20 giorni per comunicare alla Banca l’ammissione alla garanzia.

A sua volta, la Banca dovrà comunicare a Consap entro 90 giorni il perfezionamento del mutuo garantito, o in caso contrario la mancata erogazione.

Il richiedente il mutuo può sempre richiedere alla banca documentazione che attesti l’invio della domanda della Banca a Consap.

Attenzione ai requisiti richiesti

Avere meno di 36 anni e un Isee inferiore ai 40.000 euro sono le condizioni necessarie per beneficiare del Fondo. Ci sono poi una serie di categorie in cui è necessario rientrare, tre in particolare:

  • coppie anche conviventi con almeno un componente under 36;
  • famiglie monogenitoriali con figli minori (anche genitori separati o divorziati);
  • conduttori di alloggi delle case popolari.

Anche l’immobile occorre che rispetti precisi requisiti, perché deve essere adibito ad abitazione principale e non deve essere di lusso.

Tassi ai minimi: il mutuo è un vero affare trova il mutuo per te

Cresce la domanda di mutui prima casa

I tassi di interesse favorevoli incentivano la domanda di mutui per la finalità prima casa, che nel primo trimestre di questo anno passa dal 39,5% al 44,3% della domanda totale (dati MutuiOnline.it dell’Osservatorio di maggio 2021), mentre per i tassi di interesse è possibile ottenere una media dell’1,15% per il tasso fisso e dello 0,8% per quello variabile. Solo prima della pandemia si riusciva a portare a casa in media un tasso fisso dell’1,59%.

I mutui erogati ai giovani sono ancora poco sotto il 30% del totale, quando nel 2021 erano il 40%, mentre l’86% viene ancora concesso solo a chi ha i requisiti per fornire una prima importante garanzia alla banca: un lavoro a tempo indeterminato.

Obiettivo del Fondo di garanzia nella formula voluta dal Decreto Sostegni bis è proprio aprire una preziosa opportunità ai giovani che non si trovano nelle condizioni di ricevere un mutuo e che per questo rischiano di vedere sfumare il progetto della prima casa.

Un’occasione forse irripetibile per ottenere oltre l’80% del valore della casa e provare ad ottenere un mutuo 100% senza dover accettare tassi che possono arrivare al doppio per il finanziamento dell’intero valore della casa.

A cura di: Paola Campanelli

Confronta i mutui delle migliori banche

Fai un preventivo e risparmia

Articoli correlati