Logo MutuiOnline
Altri marchi del Gruppo

Mutuo tasso variabile

E' il finanziamento il cui tasso di interesse è legato alla fluttuazione di un indice finanziario di riferimento. L'importo delle rate di un mutuo a tasso variabile cambia a seconda dell'andamento del mercato finanziario. L'ammontare della rata aumenta quando il tasso di riferimento sale, mentre diminuisce quando il tasso di riferimento scende.

Chi sceglie di sottoscrivere un contratto di mutuo a tasso variabile, pagherà nei primi mesi una rata dall'importo ridotto rispetto a quello di un mutuo con tasso di interesse fisso. La differenza sta nel fatto che il mutuatario che ha stipulato un finanziamento a tasso fisso, conoscerà l'ammontare della rata perché costante per tutta la durata del piano di ammortamento, mentre con i mutui a tasso variabile l'importo della rata può cambiare anche di molto in base alle oscillazioni del mercato.

I vantaggi di un mutuo a tasso variabile sono:

  • il tasso variabile, rispetto a quello fisso, è più conveniente in un primo periodo;
  • il mutuatario trae benefici dal calo dell'inflazione in quanto la rata avrà un importo minore.

Gli svantaggi di un mutuo a tasso variabile sono:

  • quando il tasso di riferimento sale, aumenta anche l'importo della rata;
  • l'importo della rata, sia in termini positivi che negativi, dipende sempre dalle fluttuazioni del mercato finanziario.

I mutui a tasso variabile rappresentano una soluzione ideale per chi è più flessibile e consapevole dei rischi legati a possibili imprevisti del mercato. A scegliere questa soluzione finanziaria sono principalmente soggetti con reddito medio-alto o comunque con una maggiore proponsione al rischio. Il valore della rata verrà calcolato prendendo come punto di riferimento i parametri Euribor o Tasso BCE, al quale verrà poi aggiunto lo spread, diverso da banca a banca.

Torna al glossario

Oppure clicca qui per essere richiamato
RICERCA MUTUO
Comune di domicilio
Comune dell'immobile