Altri marchi del Gruppo:
Trovaprezzi
Prestitionline.it
Segugio.it
Chiama gratis 800 99 99 95 Chiama gratis 800 99 99 95

Corsa contro il tempo per accedere ai bonus

Il cartello “Lavori in corso” continua a campeggiare sulla discussione parlamentare relativa ai bonus casa. Infatti il via libera al pacchetto per il 2022 da parte del Governo, che ha confermato la maggior parte dei benefici fiscali, anche se per alcuni ne ha ridotto il sostegno.

25/11/2021
Tutte le novità sui bonus casa

Il cartello “Lavori in corso” continua a campeggiare sulla discussione parlamentare relativa ai bonus casa. Infatti il via libera al pacchetto per il 2022 da parte del Governo, che ha confermato la maggior parte dei benefici fiscali, anche se per alcuni ne ha ridotto il sostegno, non ha chiuso la pratica. Tra Camera e Senato sono entrati in campo i portatori di diversi interessi, per cui la situazione resta fluida. Tra le poche certezze, c’è che gli eventuali aggiustamenti non dovranno comportare scostamenti significativi in termini di costi per le casse dello Stato.

Interventi sulle facciate

Tra le ultime novità annunciate, c’è quella relativa al Bonus facciate, che in un primo momento il governo Draghi intendeva mandare in soffitta alla fine di quest’anno, in modo da concentrare gli sforzi sulle altre detrazioni. Alla fine si è scelto per una conferma – preso anche atto che molti dei lavori già in corso non si sarebbero potuti esaurire a breve – anche se con una riduzione della detrazione dal 90% al 60%. Chi vorrà “scaricare” il 90% delle spese in dichiarazione dei redditi dovrà quindi eseguire i bonifici (parlanti) entro il 31 dicembre 2021.

Non sembrano esservi grandi margini per realizzare ex-novo i lavori su intere facciate, mentre il discorso cambia per gli interventi meno impegnativi come quelli relativi ai soli balconi e fregi. Questi ultimi interventi sono poco conosciuti, per quanto costituiscano un’occasione molto interessante sia per chi non vuole imbarcarsi in grandi lavori, sia per restituire decoro alle strade e alle piazze del nostro Paese.

Ristruttura la tua casa con un mutuo fai subito un preventivo

Le esclusioni

La detrazione spetta relativamente a lavori che comportino il consolidamento, ripristino, la pulitura e la tinteggiatura della superficie, con riferimento sia al parapetto in muratura, sia della ringhiera in metallo. Si applica, inoltre, in caso di rifacimento, rimozione e rifacimento della pavimentazione del balcone e delle parti ammalorate dei sotto-balconi e dei frontalini.

Mentre il bonus viene escluso per gli interventi effettuati sulle facciate interne dell’edificio, come quelle che danno sul cortile interno del condominio, ovvero quelle che non sono visibili da una strada di passaggio pubblico.

Complicazioni in vista

Fare presto con i lavori è importante non solo nei casi in cui il bonus sia destinato a calare, ma anche perché dal prossimo anno entreranno in vigore alcune complicazioni burocratiche finalizzate a contrastare le truffe, che purtroppo stanno prendendo consistenza nel campo delle ristrutturazioni.

In particolare, dal 2022 verrà esteso l’obbligo di asseverazione, oggi previsto per l’accesso al Superbonus 110%. Toccherà a un tecnico abilitato attestare che il costo indicato in fattura sia in linea con la media del prodotto in una data provincia (l’esempio classico è quello di una nuova caldaia a bassi consumi ed elevate performance). A breve saranno introdotti anche dei prezziari, con l’obiettivo di limitare al massimo la discrezionalità relativi ai prezzi indicati.

L’Agenzia delle Entrate ha infatti rilevato che spesso i costi dei lavori vengono gonfiati inserendo in fattura anche le somme relative alle pratiche burocratiche: il Fisco ha rilevato raggiri per 900 milioni di euro, per cui le dimensioni del fenomeno sono verosimilmente di diversi miliardi.

A cura di: Luigi dell'Olio

Confronta i mutui delle migliori banche

Fai un preventivo e risparmia

Articoli correlati