Logo MutuiOnline
Altri marchi del Gruppo

Tra tasso fisso e variabile la differenza è al minimo

La Stampa

Adesso optare per la percentuale stabile costa solo poco più, ma offre la rata certa nel tempo e non richiede sacrifici aggiuntivi che comportava alcuni anni fa. Ma conviene più il tasso fisso o il variabile?

(Fonte: La Stampa - 18/07/2016)
Apri il Pdf
Apri pdf Segnala via email Stampa
ARTICOLI CORRELATI:
Spread ai massimi da 5 anni pubblicato il 19 ottobre 2018
Lo spread e i conti di casa pubblicato il 5 settembre 2018
Scatta l'ora dei prestiti sottocosto pubblicato il 20 settembre 2018
Stipulare oggi può voler dire spendere al minimo storico pubblicato il 7 agosto 2018
Mutui casa, occasioni di fine estate pubblicato il 31 agosto 2018
Oppure clicca qui per essere richiamato
RICERCA MUTUO
Comune di domicilio
Comune dell'immobile