Logo MutuiOnline
Altri marchi del Gruppo

Primo effetto Draghi sui mutui

Il Sole 24 Ore

I mutui a tasso variabile rialzano la testa. I numeri indicano che, dopo aver toccato il fondo, le richieste di mutui a rata indicizzata sono tornate a crescere. Se a fine dicembre erano appena il 13,8%, nel primo trimestre del 2019 sono cresciute al 17,1%. Il tutto a svantaggio del fisso, sceso dall'84,3% all''80,6%. Cosa è successo nel frattempo da giustificare questo recupero del variabile? Tanto a gennaio quanto a marzo la Bce ha fornito segnali distensivi sul fronte tassi prima lasciando intuire e poi confermando che nell'anno in corso non ci sarebbe stato alcun rialzo. Le aspettative sui tassi sono il primo fattore che dovrebbe muovere la scelta di un mutuatario informato sull'amletica opzione tra fisso e variabile. "La scelta tra fisso e variabile dipende anche dalla durata del mutuo"- sottolinea Roberto Anedda, Direttore Marketing di MutuiOnline.it. "Bisogna infatti considerare che, per come funziona il piano di ammortamento che prevede che la maggior parte degli interessi venga pagata nella prima metà di vita del contratto, chi stipula un variabile non deve occuparsi di eventuali rialzi dei tassi e delle rate per l'intera durata, ma per poco più della metà".

(Fonte: Il Sole 24 Ore - 27/03/2019)
Apri il Pdf
Apri pdf Segnala via email Stampa
ARTICOLI CORRELATI:
Rotta verso i minimi pubblicato il 16 aprile 2019
Mutui, il tasso variabile non fa più paura pubblicato il 4 marzo 2019
Mutui e credito: gli effetti della "cura Draghi" pubblicato il 13 marzo 2019
È ancora tempo per i mutui pubblicato il 18 marzo 2019
L'anno buono per i mutui pubblicato il 21 marzo 2019
Oppure clicca qui per essere richiamato
RICERCA MUTUO
Comune di domicilio
Comune dell'immobile