Fisso vs variabile

23/04/2019 (Fonte: L'Economia/Corriere della Sera)

L'Economia/Corriere della Sera

Chi sta per avviare un mutuo, nell'uovo di Pasqua trova una sorpresa che nel tempo vale migliaia di euro: i tassi fissi tornati ai minimi e la possibilità di indebitarsi per 20 anni attorno all'1,5%. Si può indicare il nome di chi ha fatto questo regalo inattesso: è un banchiere italiano, si chiama Mario Draghi e lavora a Francoforte. La scelta della Bce di mantenere una politica accomodante sul costo del denaro infatti ha fatto crollare le quotazione dell'Eurirs: i valori del tasso ventennale sono scesi di mezzo punto in sei mesi e hanno quasi del tutto assorbito l'aumento degli spread praticato l'estate scorsa dalla maggior parte delle banche. "Tutte le banche- spiega Roberto Anedda, Direttore Marketing di MutuiOnline.it- spingono i clienti sul tasso fisso e alcune hanno ridotto gli spread sull'Eurirs, una scelta che però non hanno fatto le due maggiori aziende di credito italiane che a suo tempo guidarono la discesa dei tassi di tutto il mercato e sono state la scorsa estate tra le prime ad aumentare i loro spread".

Apri il Pdf
Apri pdf Segnala via email Stampa
ARTICOLI CORRELATI:
Nuova corsa alle surroghe pubblicato il 11 novembre 2019
Fino all'ultima surroga pubblicato il 11 novembre 2019
Mutui: effetto Bce pubblicato il 26 settembre 2019
Approfittare dei mutui a poco prezzo pubblicato il 17 ottobre 2019
Scatta l'esodo da una banca all'altra pubblicato il 21 ottobre 2019
RICERCA MUTUO
Comune di domicilio
Comune dell'immobile