Logo MutuiOnline
Altri marchi del Gruppo

Immobiliare in ripresa: i prezzi continuano a scendere

16/01/2017 in “Ultime novità mutui

2016 positivo per il mercato immobiliare, negli ultimi tempi fiaccato dalla crisi e dalle difficoltà economiche delle famiglie italiane sempre più a corto di lavoro. A dare una spinta al mercato delle case non solo i tassi d'interesse ai minimi che favoriscono la richiesta di mutui ma anche il generalizzato calo dei prezzi delle abitazioni

L'Istat ha rilevato, infatti, che nel terzo trimestre del 2016 l'indice dei prezzi delle abitazioni (IPAB) acquistate dalle famiglie, sia per fini abitativi sia per investimento, è aumentato dello 0,1% rispetto al trimestre precedente mentre è diminuito dello 0,9% nei confronti dello stesso periodo del 2015, quando era pari a -0,8%. La flessione tendenziale, specifica l'istituto di statistica nazionale, è dovuta principalmente ai prezzi delle abitazioni nuove, la cui diminuzione su base annua si è accentuata dal -1,1% al -2,1%, mentre si è ridimensionato lievemente il calo dei prezzi delle abitazioni esistenti (-0,6% da -0,7%).

Rispetto alla media del 2010, nel terzo trimestre 2016 i prezzi delle abitazioni sono diminuiti del 14,5% (-2,6% le abitazioni nuove, -19,4% le esistenti) mentre rispetto al 2017 le abitazioni hanno perso il 39,7% del proprio valore.

La domanda resta forte: il numero di immobili residenziali compravenduti nel terzo trimestre risulta essere in crescita del 17,4% rispetto al terzo trimestre del 2015, secondo i dati diffusi dall'Osservatorio del Mercato Immobiliare dell'Agenzia delle Entrate.

Se per comprare casa hai bisogno di un mutuo, semplificati la vita e affidati a MutuiOnline.it, il comparatore di mutui online indipendente che confronta le offerte di 63 banche in pochi istanti, permettendoti di trovare quello più economico in modo veloce e trasparente. 

Cosa ci aspetta nel 2017? Qualche giorno fa abbiamo fatto chiarezza su alcuni punti concernenti il mercato dei mutui.

Secondo Tecnocasa si preannuncia un anno di prosperità, con le compravendite attese ancora in aumento in un range che va dal 6% all'8% e che interesserà tutte le realtà territoriali. I prezzi dovrebbero continuare a scendere ancora, con un calo stimato tra il 2% e lo 0% a livello nazionale. In controtendenza, invece, i prezzi delle case nelle grandi città, nelle quali è previsto un leggero aumento tra lo 0% e il 2%, mentre per i capoluoghi di provincia e per l’hinterland delle grandi città occorrerà aspettare il 2018.  

Il nuovo anno porterà con sé anche l'avvio di nuovi progetti di costruzione e di riqualificazione, orientati all'efficienza energetica e alla realizzazione di strutture antisismiche, visti i recenti terrificanti eventi che hanno interessato il Centro Italia. 

Operatori del settore e famiglie si mostrano dunque più ottimisti verso quella ripresa economica che da tanti anni si sta inseguendo e che forse potrebbe essere agganciata proprio nel 2017.

A cura di Cristina Fortarezzo
Come valuti questa notizia?
Immobiliare in ripresa: i prezzi continuano a scendere Valutazione: 5/5
(basata su 1 voti)
Segnala via email Stampa
Oppure clicca qui per essere richiamato
RICERCA MUTUO
Comune di domicilio
Comune dell'immobile