Logo MutuiOnline
Altri marchi del Gruppo
CONFRONTA I MUTUI SURROGA IL MUTUO ACQUISTA ALL’ASTA ASSICURA IL MUTUO OFFERTE E NOVITÀ GUIDE E STRUMENTI

In Italia i mutui più cari d'Europa

12/09/2016 in “Ultime novità mutui

Il mercato immobiliare sembra pronto a ripartire, grazie al forte calo dei prezzi delle abitazioni registrato negli ultimi tempi ma anche all'allentamento delle maglie del credito.

Nel primo trimestre 2016 le convenzioni notarili per trasferimenti immobiliari a titolo oneroso sono state quasi 160 mila, con un aumento del 17,9% rispetto a quelle registrate nello stesso trimestre del 2015. Prosegue dunque per il quarto trimestre consecutivo un aumento delle compravendite. A rivelarlo l'Istat nel rapporto sulle compravendite e mutui di fonte notarile, specificando che la ripresa del mercato immobiliare riguarda sia il comparto dell’abitativo e accessori (150 mila trasferimenti di proprietà, +18,6%), sia i trasferimenti di unità immobiliari a uso economico (oltre 9 mila, +8%).

Pressoché omogeneo l’aumento delle compravendite a livello territoriale, con un +20,7% nel Nord-ovest, un +16,5% nelle Isole, un +16,3% al Sud e un +15,8% al Centro (+15,8%). L'aumento anche questa volta è più marcato poi nelle città metropolitane (+19,1%) rispetto ai piccoli centri (+16,9%).

Parallelamente prosegue anche il boom dei mutui, come confermato dalla crescita delle domande nel mese di agosto rilevata dal Barometro CRIF, con oltre 88 mila convenzioni erogate, il 29,2% in più rispetto allo stesso trimestre del 2015. La ripresa di mutui, finanziamenti e altre obbligazioni con costituzione di ipoteca immobiliare stipulati con banche o soggetti diversi dalle banche è più accentuata nelle Isole (+41,7%) che al Nord-ovest (+31,9%), al Sud (+30,7%) e al Centro (+28,3%). Anche in questo caso un aumento maggiore si registra nelle città metropolitane (+33,5%) rispetto ai piccoli centri (+26,0% contro +29,2% della media complessiva).

A spingere gli italiani verso l'acquisto di un'abitazione sono soprattutto i livelli dei tassi molto bassi, anche se in Italia i tassi su prestiti e mutui risultano essere più cari della media europea. A segnalarlo Adusbef e Federconsumatori, spiegando che secondo l’ultimo bollettino ufficiale BCE i tassi applicati in Italia sui mutui erano pari a una media del 2,51%, contro il 2,02 della media Ue, comportando uno spread dello 0,49% in più. Calcolando la ripercussione di questo differenziale sull’entità delle rate per un mutuo e per un prestito offerti in Italia e per quelli offerti in Eurolandia, scopriamo che per un mutuo di 100.000 euro a 20 anni, alla fine del periodo il mutuatario italiano avrà pagato 5.760 euro in più mentre per il credito al consumo di 30.000 euro a 3 anni, alla fine del periodo, in Italia si saranno pagati 828 euro in più che in Eurolandia.

Consapevoli di questa penalizzazione, ricordiamo che è sempre bene confrontare i prodotti offerti sul mercato attraverso il portale di MutuiOnline.it, che permette di scegliere il mutuo più conveniente tra le proposte dei vari Istituti di credito.

Oggi 12 settembre 2016 il finanziamento migliore sul mercato per una richiesta di mutuo atta ad acquistare una prima casa di 200.000 euro, ipotizzando che a richiederlo sia un impiegato milanese di 35 anni con un reddito mensile di 2.500 euro, durata del mutuo 30 anni e valore immobile 300.000 euro, è quello di Iw Bank Private Investments con Mutuo a Tasso Fisso. La rata mensile sarà di 749,28 euro, con un tasso fisso al 2,10% e un Taeg del 2,18%. Le spese d’istruttoria ammontano a 600 euro e mentre non sono previste spese per la perizia. Il miglior tasso variabile, utilizzando i medesimi parametri, è quello di Banca Popolare Commercio e Industria con Mutuo Tasso variabile sempre Light, che offre una rata mensile a regime di 657,15 euro con tasso a regime dell'1,15% e Taeg dell'1,17%. 600 euro le spese di istruttoria e 275 la perizia.

A cura di Cristina Fortarezzo
Come valuti questa notizia?
In Italia i mutui più cari d'Europa Valutazione: 4,3/5
(basata su 3 voti)
Segnala via email Stampa
ARTICOLI CORRELATI:
Acquistare casa a 1 euro con obbligo di ristrutturazione pubblicato il 14 novembre 2017
Mutuo prima e seconda casa: le agevolazioni previste pubblicato il 28 luglio 2017
I migliori mutui per ristrutturazione di ottobre pubblicato il 5 novembre 2017
Polizze casa, al via la detrazione IRPEF pubblicato il 16 novembre 2017
I mutui seconda casa più convenienti di novembre pubblicato il 17 novembre 2017
Oppure clicca qui per essere richiamato
RICERCA MUTUO
Finalità mutuo

Tasso
Valore immobile

Importo e durata mutuo
anni
Età richiedente
anni
Posizione lavorativa

Reddito
 € netti mese
Domicilio richiedente

Provincia immobile

Stato ricerca immobile