Logo MutuiOnline
Altri marchi del Gruppo
CONFRONTA I MUTUI SURROGA IL MUTUO ACQUISTA ALL’ASTA ASSICURA IL MUTUO OFFERTE E NOVITÀ GUIDE E STRUMENTI

Banche e mutui: ripartire è necessario

25/09/2014 in “Ultime novità mutui

ripresa mutui

Nel corso degli anni tanto gli analisti di mercato, quanto le diverse associazioni di categoria, hanno sottolineato come il raggiungimento di una ripresa economica sia legata a doppio filo alle politiche di erogazione del credito da parte degli istituti bancari.

Preso atto del fatto che le stesse banche debbano, differentemente dal passato, prestare maggiore attenzione alla qualità del credito che gli viene invocato, valutando in particolar modo se i mutui richiesti dalle imprese siano a fini di investimento e quindi buoni o, al contrario, indirizzati al saldo delle spese correnti come stipendi e fornitori, e quindi di bassa qualità e a rischio insolvenza, l'economia reale non è in grado di autofinanziarsi, e necessita della liquidità che solo le banche possono garantirle.

Stesso ragionamento va fatto anche per i mutui richiesti dai privati, di norma indirizzati all'acquisto o alla ristrutturazione di una casa. In questo caso, se da un lato è bene che gli istituti di credito non si accontentino di una garanzia ipotecaria e non eroghino più denaro in misura superiore a quanto richiesto per sostenere le spese strettamente legate all'acquisto della casa o ai lavori edili da svolgere, dall'altro è impensabile che il mercato immobiliare possa ripartire da sé.

Il 2013 è stato un anno nero con riferimento alla concessione del credito da parte delle banche. Prendendo ad esempio il settore del mutuo prima casa, dopo i cali consistenti avvenuti già nel triennio precedente, l'anno scorso la riduzione rapportata al 2012 è stata di oltre il 13%.

Buone notizie arrivano però dalla BCE e dal suo presidente Mario Draghi che, nel corso del mese di settembre, ha ulteriormente abbassato il costo del denaro, portandolo al minimo storico dello 0,05%, soglia minima prima del costo zero. Tale misura è diretta a favorire il trasferimento del capitale dalle disponibilità degli istituti di credito all'economia reale, ed ha già mostrato i suoi primi effetti positivi.

Innanzitutto i tassi si sono immediatamente abbassati, scendendo in alcuni casi anche sotto la quota del 2% per quanto concerne i mutui a tasso variabile e del 4% con riferimento a quelli a tasso fisso. Con questo intervento della Banca Centrale, gli istituti di credito non posso chiedere contesto migliore per riattivare il flusso di credito verso l'esterno.

Per confrontare le migliori offerte di mutuo del momento, vai alla sezione mutui casa di MutuiOnline.

A cura della Redazione
Come valuti questa notizia?
Banche e mutui: ripartire è necessario Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Segnala via email Stampa
ARTICOLI CORRELATI:
I migliori mutui per ristrutturazione di ottobre pubblicato il 5 novembre 2017
I mutui più convenienti di giugno pubblicato il 12 giugno 2017
Le surroghe pesano sempre meno sulla domanda di mutui pubblicato il 1 dicembre 2017
Pagamento in ritardo della rata del mutuo: cosa succede? pubblicato il 13 ottobre 2017
Mutuo prima e seconda casa: le agevolazioni previste pubblicato il 28 luglio 2017
Oppure clicca qui per essere richiamato
RICERCA MUTUO
Finalità mutuo

Tasso
Valore immobile

Importo e durata mutuo
anni
Età richiedente
anni
Posizione lavorativa

Reddito
 € netti mese
Domicilio richiedente

Provincia immobile

Stato ricerca immobile