Altri marchi del Gruppo:
Trovaprezzi
Prestitionline.it
Segugio.it
Chiama gratis 800 99 99 95 Chiama gratis 800 99 99 95

Mutui green: tutti i vantaggi e i limiti dei nuovi finanziamenti

11/07/2020 in MutuiOnline informa

Il settore edilizio sempre più amico dell’ambiente. I mutui verdi, noti anche come mutui green, sono prodotti dedicati all’acquisto di appartamenti ad alta efficienza energetica o anche alla riqualificazione volta al miglioramento di un immobile. Questi finanziamenti stanno avendo un certo riscontro negli ultimi tempi da parte di chi ama il pianeta.

Sono tante infatti le iniziative, sia nazionali che europee, che stanno spingendo verso il risparmio energetico, nonché verso l’ammodernamento del patrimonio immobiliare. Anche MutuiOnline.it ha dedicato un’intera sezione ai mutui green perché le famiglie possano risparmiare sui costi del mutuo e sui consumi domestici, oltre che contribuire ad una maggiore tutela dell’ambiente. Per approfondire le caratteristiche e funzionamento dei mutui green consulta la guida dedicata.

Sulla stessa scia l’EeMAP– Energy Efficient Mortgage Action Plan, ossia l’iniziativa europea che intende creare un mutuo per l’efficienza energetica standardizzato a livello europeo in modo da incentivare la riqualificazione degli edifici e l’acquisto di proprietà altamente efficienti attraverso condizioni finanziarie favorevoli. L’iniziativa è condotta da un consorzio guidato dalla European Mortgage Federation- European Covered Bond Council (EMF-ECBC).

L’offerta eco-sostenibile

Con Intesa Sanpaolo chi sceglie di acquistare o ristrutturare casa in ottica di efficienza energetica beneficia, ad esempio, di un tasso favorevole e di servizi e prodotti green facoltativi forniti da aziende partner dedicati a chi dimostra attenzione verso l’ambiente. Compreso nell’offerta pure il servizio di certificazione energetica nel caso di ristrutturazione dell’immobile con miglioramento di almeno una classe energetica.

Sulla stessa lunghezza d’onda il mutuo green di Crédit Agricole Italia che dà valore alla sostenibilità. Previste condizioni più vantaggiose se si acquista un immobile in classe energetica A o B: lo spread sarà, infatti, scontato dello 0,10%. E lo sconto viene applicato anche se si ristruttura il proprio immobile, migliorando la sua efficienza energetica di 2 classi o del 30%.

E poi ancora c’è Bnl Gruppo Paribas che mette a punto un servizio rivolto a quanti vogliano usufruire dell’ecobonus 110%, la nuova misura governativa sulla riqualificazione energetica degli edifici. La novità più importante riguarda la possibilità non solo di utilizzare il bonus, sotto forma di detrazione fiscale in 5 anni, ma anche di usufruire del cosiddetto sconto-fattura o di poter cedere il credito una volta completati i lavori. 

La misura è rivolta al proprietario di una villetta unifamiliare, prima casa, ai condomini con un progetto di efficientamento energetico dell’edificio (innalzamento di almeno 2 classi energetiche) che prevede almeno uno dei seguenti interventi: isolamento termico delle superfici opache verticali e orizzontali che interessano l’involucro dell’edificio con un’incidenza superiore al 25% della superficie; sostituzione di impianti di climatizzazione invernali esistenti sulle parti comuni degli edifici condominiali con impianti centralizzati per il riscaldamento, il raffrescamento o la fornitura di acqua calda sanitaria a condensazione, con efficienza almeno pari alla classe A; esecuzione per la messa in sicurezza statica, in particolare sulle parti strutturali, di edifici ubicati in zone classificate come “ad alta pericolosità".

Cosa valutare del mutuo green

Prima di sottoscrivere un mutuo green è sempre bene valutare tutti i punti di forza e di debolezza di questi finanziamenti. Sotto la lente vi finisce soprattutto la sua finalità. Vediamo, pure, in che senso. “La maggior parte dei mutui green sul mercato offre tassi agevolati ma solo per l’acquisto di case, prima o seconda che sia, in classe energetica elevata, trascurando invece gli investimenti a fini di ristrutturazione”, fa sapere Roberto Anedda di MutuiOnline.it. 

Il motivo, a detta del Vicepresidente e Direttore Marketing del Gruppo MutuiOnline, è molto semplice: “Il reale miglioramento della sostenibilità dell’immobile, con un salto di almeno una o due gradini della classe energetica, è difficile da verificare e quantificare una volta terminati i lavori. Se l’obiettivo non è stato raggiunto a quel punto che si fa? Per la banca non è certo possibile chiedere la restituzione dello sconto concesso”.

E non manca qualche riflessione proprio in merito allo sconto. “Quello massimo ottenibile rispetto al tasso di un mutuo ordinario in questa fase non supera i 10 centesimi. Può sembrare poco, ma in proporzione non lo è se si considera che i tassi di riferimento dei migliori mutui sul mercato oggi risultano inferiori all’1%”. 

A cura di: Tiziana Casciaro

Confronta i mutui delle migliori banche

Fai un preventivo e risparmia

Parole chiave

mutui green case green efficienza energetica

Articoli correlati