Altri marchi del Gruppo:
Trovaprezzi
Prestitionline.it
Segugio.it
Chiama gratis 800 99 99 95 Chiama gratis 800 99 99 95

Milano: i quartieri più à la page, oggi e domani

Porta Lodovica, Città Studi, Bicocca, Sarpi e San Siro sono i quartieri di Milano dove oggi si vive meglio, mentre Scalo di Porta Romana, Santa Giulia, Rubattino, Bovisa, MIND-Cascina Merlata e Bisceglie quelli dove si vivrà meglio in futuro. È quanto emerge da una ricerca di Scenari Immobiliari.

14/10/2020 in MutuiOnline informa

La città italiana più dinamica dal punto di vista del mercato immobiliare è sicuramente Milano, grazie alla sua economia e finanza, alla sua costante capacità di attrarre turisti e a un lucroso polo che non ha uguali nel nostro Paese, l’università. Certamente questo equilibrio di fondo ha risentito dell’emergenza Covid, ma non è stato stravolto: la piazza lombarda guarda avanti con fiducia e ‘studia’ quali sono oggi i quartieri dove si vive meglio e, soprattutto, quali saranno in futuro quelli più ‘à la page’.

Comprare una casa pensando a come sarà la città in futuro

Gli esperti di Scenari Immobiliari si sono interrogati su questo punto e hanno effettuato un’analisi sul trend, i cui risultati sono stati presentati nella prima ‘Giornata Nazionale della Casa’. Sicuramente il momento è favorevole per pensare di comprare un’abitazione - sia essa una prima casa o come investimento - pensando al proprio futuro e,  soprattutto, immaginando come la città di Milano si svilupperà nei prossimi anni.

La ricerca di Scenari Immobiliari

Porta Lodovica, Città Studi, Bicocca, Sarpi e San Siro sono i quartieri dove oggi si vive meglio, mentre Scalo di Porta Romana, Santa Giulia, Rubattino, Bovisa, MIND-Cascina Merlata e Bisceglie quelli dove si vivrà meglio in futuro. Lo studio considera una serie di parametri, quali l’offerta in diverse zone e le esigenze di vari nuclei (studenti, young professional, senior, famiglie con figli, young professional, giovani coppie), per costruire indici necessari all’individuazione dell’appetibilità residenziale rispetto ai principali tipi di domanda (accessibilità economica e infrastrutturale, attività culturali, istruzione, attività commerciali alimentari, strutture sanitarie, strutture sportive e natatorie, aree verdi, mercato immobiliare e qualità edilizia).

Dove si vive meglio oggi

Porta Lodovica, Città Studi, Bicocca sono alcuni dei primi quartieri che i futuri milanesi si trovano a vivere. Università, accessibilità, prossimità con il centro e le aree della movida, attività commerciali e servizi urbani fanno di questi ambiti urbani i luoghi privilegiati in cui attrarre e formare la nuova domanda residenziale del capoluogo meneghino. Oggi, ha osservato Francesca Zirnstein, dg di Scenari Immobiliari, i dieci migliori quartieri residenziali di Milano sono concentrati a cavallo della Circonvallazione, a est e a ovest del centro storico. In crescita, ha rilevato ancora l’esperta, anche l’area in prossimità del confine comunale per l’intervento di rigenerazione, il più importante dei prossimi dieci anni in Europa, di livello metropolitano della Città della Salute di Sesto San Giovanni.

E dove si vivrà meglio domani

Scalo di Porta Romana, Santa Giulia, Rubattino, Bovisa, l’ambito esteso di MIND-Cascina Merlata e Bisceglie sono tra i quartieri che in un futuro sempre più prossimo trasformeranno Milano, non solo da un punto di vista urbanistico e architettonico, ma soprattutto dal punto di vista sociale e demografico. Questi nuovi quartieri, con le loro peculiarità (accessibilità urbana, metropolitana e nazionale, servizi locali e sovralocali innovativi, istruzione, formazione e ricerca, social housing, student housing e senior housing), saranno in grado di attrarre e rispondere alla nuova domanda che, a Milano, cerca risposte alle sue eterogenee esigenze. L’osservazione della nuova offerta, ha spiegato Zirnstein, individua alcuni ambiti urbani privilegiati in grado di fornire risposte alla domanda di prossima formazione.

In arrivo nuove costruzioni e riqualificazioni

Milano, una città in costante movimento, il cui mercato immobiliare guarda dunque già al domani. Le nuove costruzioni e gli interventi di ristrutturazione edilizia sono infatti destinati a fornire una ricca disponibilità di spazi urbani e abitativi. E questo momento potrebbe essere ancora più favorevole, grazie alla combinazione delle quotazioni basse raggiunte dalle case (a causa della pandemia da coronavirus) con i tassi di interesse, che continuano a girare sui minimi storici. La Bce, inoltre, ha assicurato che la politica monetaria rimarrà super-accomodante sul lungo termine e questo è un ulteriore ombrello di sicurezza per chi dovesse accendere un mutuo.

A cura di: Fernando Mancini

Confronta i mutui delle migliori banche

Fai un preventivo e risparmia

Parole chiave

mercato immobiliare milano scenari città

Articoli correlati