Logo MutuiOnline
Altri marchi del Gruppo

Mercato immobiliare Ue: SP stima rallentamento crescita prezzi

07/10/2019 in “MutuiOnline informa

Mercato immobiliare Ue: SP stima rallentamento crescita prezzi

Mercato del ‘mattone’ residenziale europeo al rallentatore. In generale le stime prevedono che “i prezzi delle case continuino a crescere, seppure a un ritmo più lento di quello tenuto fino ad ora”. Le incertezze legate all’attuale difficile fase economica vengono solo parzialmente compensate dall’accomodante politica monetaria della Bce e dagli altri Istituti centrali, che comunque “dovrebbero mantenere i tassi bassi più a lungo”. È quanto emerge dal rapporto S&P Global Ratings relativo al mercato immobiliare del Vecchio continente, in cui si sottolinea che l’Italia, tra i dieci mercati immobiliari coperti dalla ricerca, sarà il fanalino di coda.

L’Italia unico Paese per il quale è previsto un ulteriore calo

Il nostro Paese, infatti, secondo le previsioni "sarà il solo a sperimentare un calo dei prezzi quest'anno e nel 2020", per i quali si prevedono contrazioni rispettivamente dello 0,9% e dello 0,4%. A pesare sull’andamento del mercato immobiliare domestico è “la stagnazione economica che è di cattivo auspicio per l’occupazione e le prospettive di crescita del reddito”.Con la congiuntura in bilico costantemente sul filo della recessione c’è quindi da aspettarsi un’ulteriore flessione dei prezzi, già in discesa nel primo trimestre di quest’anno (-0,8%) dopo il -0,5% accusato a dicembre. Tuttavia, sempre secondo la ricerca, alcuni elementi a favore, come i bassi costi di finanziamento e il calo complessivo dei prezzi delle case, sosterranno la domanda nelle regioni economicamente più dinamiche, mitigando il ribasso dei prezzi delle abitazioni.

Male le case vecchie e le regioni del Sud

Intanto c’è da considerare che la flessione dei prezzi non è generalizzata, ma interessa soprattutto le vecchie abitazioni e quelle situate nelle regioni meridionali. Infatti, secondo l’analisi di S&P, i prezzi delle nuove abitazioni sono in aumento dalla fine del 2017 e nel primo trimestre di quest’anno sono già cresciuti dell'1,7% tendenziale, poiché la loro offerta rimane vicina ai minimi storici. Inoltre i prezzi hanno iniziato già a riprendere quota nelle regioni più dinamiche del Settentrione industrializzato, come Lombardia, Veneto ed Emilia Romagna. A Milano, per esempio, in luglio sono aumentati di quasi il 4% annuo. Anche le vendite di abitazioni sono ulteriormente aumentate e hanno raggiunto il nuovo record da fine del 2011 (590 mila negli ultimi 12 mesi).

A soffrire è soprattutto il mercato immobiliare delle regioni del Sud che, oltre alla debolezza economica, pagano il negativo sviluppo demografico. In particolare, i prezzi hanno accusato in luglio una discesa più accentuata a Napoli e Palermo (rispettivamente di -2% e -4%), la più veloce da inizio 2018. È uno dei segnali che il mercato immobiliare offre comunque ampie opportunità per chi volesse comprare una casa, cogliendo l’attimo favorevole offerto dai bassi tassi di interesse e da un’offerta più ampia. A questo riguardo chi intendesse accendere un mutuo può consultare MutuiOnline.it, dove può comparare le varie offerte delle banche, disegnare gratuitamente un piano di finanziamento personalizzato e anche sottoscriverlo. Nello stesso sito c’è anche l’opportunità di leggere le più recenti novità del mercato come, per esempio, può essere la notizia dal titolo: “Agenzia Entrate: mercato immobiliare in crescita dal 2014”.

Oltremanica: con ‘No-deal’ prezzi case in forte ribasso

Tornando al rapporto di S&P sul settore immobiliare europeo, spicca il capitolo dedicato alla Gran Bretagna dove, a causa dell’incertezza sulla Brexit, “sta rallentando l'attività e l'espansione dei prezzi delle case”, che non dovrebbero crescere quest'anno per poi riprendersi nel prossimo biennio. Tuttavia in caso di 'No-deal' gli esperti prevedono "un calo significativo" dei prezzi. In Svizzera, grazie a un’economia di piena occupazione e con gli investitori alla ricerca di rendimenti, i prezzi sono stimati crescere del 3% quest’anno. La crescita prevista per il mercato spagnolo è indicata a +5,5% quest’anno e a +4,4% per il prossimo. Decisamente più robusta la performance attesa per il mercato portoghese, dove è sempre vivace la domanda straniera: rispettivamente +8% e +5,9%, anche se in lieve rallentamento rispetto al +9,4% consolidato nel 2018. A causa del rallentamento economico è stimata in decelerazione la crescita dei prezzi in Olanda, Germania e Irlanda. Quadro all’insegna della stabilità è previsto in Francia.

A cura di Fernando Mancini
Come valuti questa notizia?
Mercato immobiliare Ue: SP stima rallentamento crescita prezzi Valutazione: 5/5
(basata su 1 voti)
Segnala via email Stampa
ARTICOLI CORRELATI:
I migliori mutui prima casa di settembre 2019 pubblicato il 14 settembre 2019
La breve guida alla scelta del mutuo migliore pubblicato il 18 ottobre 2019
Torino: mercato immobiliare frena in Collina, bene il Centro pubblicato il 22 ottobre 2019
Mutui: adesso anche il tasso variabile è un affare pubblicato il 08 luglio 2019
Quanti anni bisogna lavorare per comprare casa? pubblicato il 17 settembre 2019
Oppure clicca qui per essere richiamato
RICERCA MUTUO
Comune di domicilio
Comune dell'immobile