Altri marchi del Gruppo:
Trovaprezzi
Prestitionline.it
Segugio.it
Chiama gratis 800 99 99 95 Chiama gratis 800 99 99 95

La casa in campagna: un sogno per molti italiani

05/12/2019 in MutuiOnline informa

Aggiornato il 06/12/2019

La casa in campagna è un luogo senza tempo, dove le persone sognano di rifugiarsi per “staccare” dalla frenesia della città. Ancora di più se in questo ‘sogno’, con la complicità di atmosfere antiche e tranquille, trovano spazio hobby, la possibilità di ospitare parenti e gli amici. Il mercato dei casali e dei rustici è dunque una nicchia sempre presente nei progetti degli italiani e non solo, ricca di fascino e di interessanti potenzialità. E non è solo un mercato per amatori, ma anche per chi – logisticamente favorito – vuole una prima casa, o investitori che comprano per mettere a reddito l’immobile o per avviare un’attività come B&B.

Ogni regione del Belpaese offre realtà immobiliari all’insegna del verde, circondate da vigneti, frutteti, con panorami affascinanti. Tecnocasa ha analizzato il segmento, concentrandosi su sei zone in cui il “parco immobiliare” costituito da rustici e casali è più prospero.

L’analisi comprende anche alcuni consigli per l’acquisto di un immobile di questo tipo:

  • valutare la distanza del casale dalla propria residenza per viverlo al meglio;
  • considerare che spesso è da ristrutturare e questo comporta spese importanti;
  • terreno, capire come vogliamo vivere la casa in campagna, se lo spazio verde ce lo permette e se saremmo in grado di mantenerlo.

Rustici e Casali: si cercano come prima casa e per casa vacanza

L’attività immobiliare in Franciacorta è molto vivace, alimentata dal mercato della prima casa e dalla domanda di casa vacanza. L’offerta di rustici in posizione panoramica e in ottimo stato è in calo, quindi i prezzi sono in salita. Negli ultimi tempi è in grandissimo aumento l’interesse per il lago di Iseo. In generale si predilige l’area che va da Passirano ad Adro. Chi cerca immobili di prestigio guarda alla zona di Gussago e Cellatica. Si segnala anche un crescente interesse per la zona grazie alla pista ciclabile che collega Brescia a Paratico e che, per il 2020, sono previsti lavori per collegare il comune di Gussago alla ciclabile.

A Costigliole d’Asti, comune del Monferrato, si registrano richieste di casali e rustici. La zona più ambita è sicuramente quella collinare, anche se la domanda varia molto a seconda della provenienza del cliente: gli italiani (70% circa delle richieste) cercano la prima casa. La disponibilità di spesa è di 100-180mila euro. Altre soluzioni molto ricercate sono quelle dotate di molti locali in modo da poter creare un B&B. Continua incessante la richiesta da parte di acquirenti scandinavi, dalla Norvegia, dalla Danimarca, dall’Olanda e dal Belgio. Da segnalare anche qualche acquirente in arrivo dall’Inghilterra, dalla Svizzera e dagli Usa.

Oltrepò pavese e San Lorenzo a mare: due mete affascinanti

Nella prima collina, appena fuori del Stradella, si concentrano maggiormente le richieste di seconde case, in quanto più vicine ai servizi e alle autostrade. Sempre alta la richiesta di soluzioni indipendenti vicino alla cittadina dove il mercato è più vivace. In collina cercano prevalentemente la prima casa i pensionati, mentre i milanesi per la seconda casa. In pianura i potenziali acquirenti sono giovani coppie o stranieri come prima casa. Un rustico da ristrutturare costa da 30mila euro fino a un massimo 70mila, se invece è già ristrutturato si può arrivare fino a 150mila euro. Il panorama è la caratteristica più ricercata.

Nella Valle del San Lorenzo ci sono diverse zone di interesse per l’acquisto dei caratteristici rustici liguri: il più richiesto è il borgo di Cipressa, vicino al mare, con affaccio sulla costa e vedute fino alla Costa Azzurra. A pari livello, c’è la frazione di Lingueglietta (uno dei 100 borghi più belli d’Italia), e i borghi di Civezza, Costarainera e Pietrabruna. La richiesta di acquisto di rustici proviene da stranieri (tedeschi, svedesi, olandesi, norvegesi e francesi), ma non mancano gli italiani residenti nelle zone di Alba, Asti, Cuneo, Brianza e zona collinare di Torino. Il rustico viene scelto principalmente come casa vacanza.

Umbria e le colline del Prosecco: la domanda è sempre vivace

Le colline del Prosecco di Conegliano e Valdobbiadene (Treviso) sono da quest’anno il 55mo sito italiano iscritto nella lista del Patrimonio Mondiale dell’Umanità dell’Unesco. A Conegliano è presente una buona richiesta di rustici da parte di famiglie locali che ricercano tagli da 80 a 150 mq con giardino, ubicati preferibilmente oltre 10 km al di fuori delle mura cittadine. Le soluzioni da ristrutturare hanno valori che vanno dai 500 ai mille euro al mq, mentre per quelle già ristrutturate variano dai 1300 ai 2mila/mq. Vivace la domanda di terreni da destinare a vigneti.

In Umbria la più richiesta è la campagna vicina ai centri abitati, soprattutto quella tra Gualdo Tadino e Assisi. Prevalentemente si acquista per prima casa. Di solito gli acquirenti sono coppie giovani, soprattutto italiani, alla ricerca di una casa dove poter avviare anche una piccola attività ricettiva o dove vivere in tranquillità. Si cercano pertanto case indipendenti con giardino di oltre 5mila mq, meglio se caratteristici, (pietra a vista e travi in legno). I prezzi vanno dai 100mila a 250mila euro. Tra le zone più richieste ci sono le località nel Parco del Monte Cucco.

L’acquisto di un rustico può essere realizzato anche tramite l’accensione di un mutuo. Chi sogna di trasferirsi in campagna e avere una vita più tranquilla può iniziare a informarsi su come raggiungere tale obiettivo, magari consultando la guida “come scegliere il mutuo?”  messa a disposizione da MutuiOnline.it. Il sito offre anche la possibilità di aggiornarsi sull’andamento dei tassi di interesse e di comparare le varie proposte di finanziamento delle banche convenzionate.

A cura di: Fernando Mancini

Confronta i mutui delle migliori banche

Fai un preventivo e risparmia

Parole chiave

mercato immobiliare tecnocasa rustici

Articoli correlati