Altri marchi del Gruppo:
Trovaprezzi
Prestitionline.it
Segugio.it
Chiama gratis 800 99 99 95 Chiama gratis 800 99 99 95

Federnotai: la proposta di una tassazione unica per chi acquista da impresa o privato

06/11/2019 in MutuiOnline informa

Si inserisce nel programma che chiede maggiore trasparenza e chiarezza anche per il mercato immobiliare la nuova proposta di equiparazione della tassazione sull’acquisto degli immobili.

Secondo Federnotai, il sindacato dei notai italiani, l’imposta di registro e l’Iva sull’acquisto della prima casa dovrebbero essere parificate, proprio come è stato appena proposto in manovra per le imposte ipotecaria e catastale.

Il pareggiamento del regime impositivo potrebbe avvenire al 3%, quando allo stato attuale sono rispettivamente il 2% e il 4%. E poiché questa operazione penalizzerebbe le compravendite tra privati, Federnotai suggerisce anche “una riduzione dell’attuale base imponibile e l’eliminazione del minimo di euro 1.000 attualmente previsto; importo, questo, che penalizza gli acquisti delle fasce più deboli”.

Cosa prevede attualmente la Manovra

Come riportiamo anche nell'articolo “Arriva la stangata sulla seconda casa: come risparmiare con il mutuo”, il Documento Programmatico di Bilancio parla di un aumento delle imposte ipotecarie e catastali da 50 a 150 euro per l’acquisto degli immobili da privati e una riduzione da 200 a 150 euro per l’acquisto da impresa: una misura che se dovesse trovare definitiva approvazione, penalizzerebbe ancora una volta l’acquisto tra privati.

Imposte sull’acquisto della casa: facciamo il punto

Acquistare un immobile comporta il pagamento di imposte differenti a seconda del soggetto venditore, dell’acquirente e del tipo di immobile.

Se si compra da un’impresa, ad esempio dal costruttore, l’acquisto è soggetto a IVA, mentre l’acquisto da un proprietario privato assoggetta la transazione all’imposta di registro.

All’imposta di registro o Iva bisogna aggiungere le imposte ipotecaria e catastale, in misura fissa e indipendente dal tipo di transazione, il cui pagamento avviene al momento della compravendita: sarà il notaio che incasserà la somma per poi riversarla allo Stato.

A partire dal primo gennaio 2014 una nuova norma ha disposto che l’applicazione delle imposte dovute sui trasferimenti immobiliari prevede un’imposta di registro ridotta al 2% e imposte ipotecaria e catastale fisse in questa misura:

  • 50,00 euro in caso di trasferimento soggetto a imposta di registro;
  • 200,00 euro (in sostituzione di € 168,00), in caso di trasferimento soggetto a IVA.

Questa tassazione è riservata all’acquisto di immobili che siano prima casa, vale a dire la prima abitazione che si è acquistata in un determinato comune e la prima abitazione di proprietà.

Stessa tassazione vale anche per le pertinenze della prima casa, se costituiscono unità immobiliari autonome, cioè con una propria iscrizione al Catasto urbano e una propria rendita catastale, ma nel limite di una pertinenza per ogni categoria.

I motivi della proposta di Federnotai

Il pareggiamento del regime di imposte per chi acquista da privato e chi invece acquista da impresa avrebbe come finalità ultima innescare un circolo virtuoso che aiuterebbe le imprese edili e incentiverebbe l’acquisto del nuovo, negli ultimi anni molto penalizzato.

Secondo Giovanni Liotta, presidente di Federnotai, “questi cambiamenti porterebbero a una maggiore concorrenza, trasparenza e competitività per le imprese, dando inoltre un impulso positivo al mercato edilizio delle abitazioni di nuova costruzione”.

Acquistare casa con un mutuo: come risparmiare

In attesa di conoscere l’esito della proposta, per chi avesse intenzione di ricorrere a un finanziamento per acquistare casa la mossa sicuramente più furba è confrontare le migliori offerte di mutuo sul mercato. Per farlo servendosi del migliore professionista in circolazione, per di più gratis, basta collegarsi a MutuiOnline.it. In questo modo si può arrivare a risparmiare fin oltre 700 Euro all’anno: per verificarlo subito ti basta leggere il paragrafo "Quanto si può risparmiare sul mutuo?" nella pagina in cui spieghiamo come funziona il nostro servizio e in cui, a titolo esemplificativo, si calcola il risparmio del mutuo.

A cura di: Paola Campanelli

Parole chiave

imposte prima casa imposta registro acquisto immobili mutui

Articoli correlati