Altri marchi del Gruppo:
Trovaprezzi
Prestitionline.it
Segugio.it
Chiama gratis 800 99 99 95 Chiama gratis 800 99 99 95

Ecobonus e Sismabonus: da luglio detrazioni al 110 per cento

12/05/2020 in MutuiOnline informa

Ecobonus e Sismabonus costituiscono due importanti strumenti fiscali che hanno consentito di incentivare la riqualificazione dei nostri immobili e la messa in sicurezza di case esposte ad alti rischi sismici.

Ma il nuovo “Decreto Rilancio” promette un ritorno ancora più interessante per i contribuenti: un credito di imposta del 110% sui lavori strutturali di riconversione energetica e messa in sicurezza degli immobili e di interventi collegati. Uno sconto fiscale superiore alla spesa, che potrà anche essere sfruttato come sconto immediato in fattura, traducendosi così in un costo pari a zero.

Secondo quanto stabilisce la norma, a partire dal prossimo 1 luglio e per 18 mesi, Ecobonus e Sismabonus stabiliti al 65% e 50%, saranno potenziati al 110% e includeranno anche altri lavori minori: dal restauro delle facciate, all’installazione di impianti casalinghi fotovoltaici per la produzione di energia rinnovabile, fino alla sostituzione di finestre e infissi, purché eseguiti contestualmente a interventi strutturali.

Obiettivo della manovra, uno switch del Paese nella crescita sostenibile, facendo della sostenibilità ambientale la spinta per l'economia.

Ecobonus e Sismabonus: cosa sono

L’Ecobonus, istituito dalla legge 296/2006 e successivamente oggetto di modifiche fino alla legge 205/2017 (Legge di Bilancio 2018), è una detrazione Irpef riconosciuta ai contribuenti che effettuano lavori in casa o in parti comuni dello stabile dove questa è ubicata. Può variare dal 50 al 70%, a seconda del risultato ottenuto e del miglioramento delle prestazioni energetiche dell’immobile, ed è una riduzione delle imposte che si suddivide in parti uguali su 10 anni.

Il Sismabonus è invece la detrazione Irpef riconosciuta a chi effettua lavori finalizzati a migliorare le prestazioni antisismiche di un immobile. Può arrivare all'85% delle spese sostenute nel caso in cui gli interventi determinano il passaggio a due classi di rischio inferiori e viene corrisposto in rate di pari importo per 5 anni.

Chi ha diritto al superbonus edilizio

Seconda quanto si legge nella prima bozza del nuovo Decreto, gli incentivi spettano per i lavori effettuati da persone fisiche, condomìni, Istituti autonomi di case popolari (Iacp) dal primo luglio 2020 al 31 dicembre 2021, da suddividere in 5 rate di pari importo recuperabili in 5 anni con l’abbattimento delle imposte sul reddito.

Nuova norma per sconto in fattura e cessione del credito

Lo sconto in fattura, previsto dal decreto Crescita (D.L. n. 34/2019) e successivamente abrogato dalla legge di Bilancio 2020 che lo ha limitato agli interventi di primo livello eseguiti sulle parti comuni degli edifici condominiali di importo pari o superiore a 200.000 euro, è al vaglio con l’introduzione di un nuovo meccanismo.

Con molta probabilità, il credito potrà essere ceduto all’impresa che effettua i lavori con uno sconto in fattura del 100%, quindi con una spesa pari a zero: questa a sua volta potrà recuperarli in 5 anni dalle tasse, oppure potrà decidere di cedere il credito a terzi e, novità, anche alle banche e per un  numero illimitato di volte, così da non trovarsi mai senza liquidità.

L’obiettivo è creare un volano che alimenti l’edilizia e il risparmio energetico nelle case, impattando positivamente sui costi delle famiglie e sulla sostenibilità ambientale.

Le soglie di detrazione

L’agevolazione fiscale riguarderà lavori:

  • fino a 60.000 euro per unità immobiliari per interventi di isolamento termico;
  • fino a 30.000 euro per unità immobiliari per interventi sulle parti comuni degli edifici e sulla climatizzazione;
  • fino a 10.000 euro per unità immobiliare per interventi sulle caldaie a gasolio (classe minima A);
  • fino a 48.000 euro, o 2.400 euro per Kwh di potenza nominale, per gli impianti fotovoltaici.

Un mutuo per alleggerire la spesa dei lavori

Quelli relativi all’efficientamento energetico di un immobile o alla sua messa in sicurezza, sono spesso lavori impegnativi che comportano l’investimento di somme importanti. Se non si dispone della liquidità necessaria, ricorrere a un mutuo è la soluzione più giusta: una spesa che ripagherà nel tempo con una riduzione dei consumi e del rischio, strategica in questo momento grazie ai tassi dei finanziamenti, ormai ai minimi storici.

Nonostante l’aumento dello spread e la crisi generale del sistema, trovare un mutuo ristrutturazione a tasso fisso di gran lunga inferiore all’1% è diventato facile se si valutano le migliori offerte.

Su MutuiOnline.it è possibile dare uno sguardo a quello che offre il mercato con i migliori mutui ristrutturazione del giorno, oppure se si hanno esigenze precise, richiedere un preventivo personalizzato con i propri parametri.

A titolo di esempio, se supponiamo il 12 maggio di richiedere la somma di 80.000 euro a tasso fisso per un immobile di 250.000 euro, la migliore occasione per la durata di 15 anni è di Crédit Agricole. Mutuo Base ha una rata fissa mensile di 464,86 euro, Tasso Fisso 0,60% (IRS+0,53%) e Taeg 0,85%. La Banca offre la polizza casa obbligatoria gratuita e l’erogazione immediata alla stipula.

A cura di: Paola Campanelli

Confronta i mutui delle migliori banche

Fai un preventivo e risparmia

Parole chiave

credito d’imposta ecobonus sismabonus immobili mutui ristrutturazione

Articoli correlati