Agenzia Entrate: mercato immobiliare in crescita dal 2014

24/09/2019 in “MutuiOnline informa

Agenzia Entrate: mercato immobiliare in crescita dal 2014

In Italia il ritmo di crescita delle compravendite delle abitazioni residenziali è più che dimezzato nel secondo trimestre di quest’anno, a +3,9% annuo dal +8,8% registrato nei precedenti tre mesi, ma nello stesso tempo il mercato ha ‘nascosto’ bene alcuni importanti aspetti positivi. In primo luogo il fatto che si tratta di un mercato che è in espansione dal 2014. Tra gli altri fattori positivi, secondo la più recente edizione delle Statistiche trimestrali (curata dall’Osservatorio del mercato immobiliare dell’Agenzia delle Entrate), spiccano la stabilità della quota sia di operatori che segnalano pressioni al ribasso sui prezzi (16%) sia di quelli che li indicano in aumento (3%) e l’aumento della percentuale di agenzie che hanno venduto almeno un’abitazione (all’81,7% dal 74,8% di gennaio-marzo). Da leggere in chiave positiva anche il fatto che i tempi medi di vendita sono nuovamente calati (a 6 mesi dai 7 mesi del primo trimestre) sino a toccare il livello più basso dal 2009 (inizio serie storica).

Il Centro e le Isole sono le locomotive

In tutto, nel secondo trimestre 2019 sono state vendute 159.619 unità residenziali: il Centro e le Isole sono le zone che hanno mostrato l’incremento più marcato (rispettivamente +4,4% e +4,5%), poi le regioni del Nord-Est (+3,9%), quelle del Nord-Ovest (+3,8%) e infine quelle del Sud (+3%). I comuni non capoluogo hanno registrato un tasso di crescita doppio rispetto ai comuni capoluogo (rispettivamente +4,7% e +2,3%), mentre gli unici tassi negativi sono stati quelli dei comuni capoluogo del Centro (-0,2%) e del Sud (-0,7%). Analizzando il trend abitativo nelle grandi metropoli emerge un andamento a macchia di leopardo: a Bologna le compravendite sono aumentate dell’11,9%, seguita da Milano (+6,1%) e Roma (+2,7%), mentre le altre città hanno denunciato performance di segno negativo (Palermo -0,2%, Torino -1,1%, Napoli -3,2%, Genova -3,7%, Firenze -9,1%).

I mutui finanziano oltre l’80% degli acquisti

Stando al rapporto dell’Agenzia delle entrate, il mutuo ipotecario continua a finanziare la maggior parte degli acquisti (circa l’80%) e copre il 74,2% del valore dell’immobile comprato. A questo riguardo, chi volesse accendere un mutuo può consultare MutuiOnline.it, che permette di comparare le varie offerte delle banche, disegnare senza impegno un finanziamento in base alle proprie necessità, scegliere quello più conveniente e anche sottoscriverlo. Sullo stesso sito si può leggere anche la situazione del credito più aggiornata, come riporta la notizia dal titolo “I migliori mutui prima casa di settembre 2019”. Dalle statistiche emerge anche il segnopositivo registrato anche dal mercato di box e posti auto (+5,2%), seppure anche questo a ritmi più contenuti rispetto al trimestre precedente, quando la crescita era stata a doppia cifra (+10,4%). Le compravendite di cantine e soffitte sono aumentate del 7,1%, specialmente nelle aree del Nord-Est (+12,5%).

Bene anche il mercato immobiliare non residenziale

Anche l’analisi del mercato non residenziale restituisce una fotografia in positivo: nel secondo trimestre di quest’anno sono state compravendute 46mila unità immobiliari il 5,5% tendenziale in più. In particolare, secondo le statistiche ufficiali, nel settore terziario-commerciale le compravendite di uffici sono tornate in campo negativo (-0,5% rispetto allo stesso periodo del 2018) mentre i negozi, per i quali l’ultima variazione negativa risale al primo trimestre 2015, hanno mostrato un tasso annuo ancora positivo (+7,5%). Disaggregando l’analisi per macroaree territoriali, si evidenzia una dinamica espansiva diffusa, particolarmente accentuata presso il Centro, il Nord Ovest e le Isole (rispettivamente +8,3%, +7,6% e +7,2%).

A cura di Fernando Mancini
Come valuti questa notizia?
Agenzia Entrate: mercato immobiliare in crescita dal 2014 Valutazione: 1/5
(basata su 1 voti)
Segnala via email Stampa
RICERCA MUTUO
Comune di domicilio
Comune dell'immobile