Logo MutuiOnline
Altri marchi del Gruppo

Agenzia delle Entrate: l’istantanea del mercato immobiliare

26/07/2019 in “MutuiOnline informa

Agenzia delle Entrate: l’istantanea del mercato immobiliare

Mercato immobiliare in forma: nel Catasto italiano crescono il numero degli immobili, le case indipendenti e la rendita catastale, mentre l’ampiezza media di un’abitazione si conferma sopra i 100 metri quadrati (sotto per le case di categoria popolare).

È in sintesi l’istantanea scattata dall’Agenzia delle Entrate del patrimonio immobiliare del nostro Paese, nel rapporto annuale curato dall’Osservatorio del Mercato Immobiliare dell’Agenzia, in collaborazione con la Direzione centrale Servizi Catastali, Cartografici e di Pubblicità Immobiliare.

In Italia, secondo le Statistiche catastali, si contano oramai 75,5 milioni di unità registrate negli archivi, di cui 65 milioni censite nelle categorie ordinarie e speciali, con una rendita attribuita pari a 37,4 miliardi di euro. La maggior parte, oltre 60milioni di unità, èdi proprietà delle persone fisiche, per una rendita complessiva di 22,8 miliardi di euro, il 61% del totale.

Lo scorso anno,in sostanza, lo stock immobiliare del nostro Paese è aumentato dello 0,6% tendenziale, di circa 400mila unità sull’anno precedente.

L’Imu, boom degli immobili ridotti a ruderi

Gli intestatari si confermano, in larga misura, persone fisiche per circa l’88% del patrimonio totale. Rispetto al 2017, secondo il rapporto, crescono dell’1,8% gli immobili censiti nel gruppo F (unità non idonee a produrre reddito), dell’1,2% gli immobili a destinazione speciale (gruppo D) e dello 0,8% quelli a destinazione particolare del gruppo E.

In aumento dell’1% le unità immobiliari a uso collettivo (gruppo B), quelle censite come negozi (C/1) e pertinenze (C/2, C/6 e C/7) all’interno del gruppo C (+0,8%) e le abitazioni (+0,3%), mentre diminuisce il numero di uffici (-0,3%).

Confedilizia, che ha elaborato i dati resi noti dall’Agenzia delle Entrate, ha sottolineato come nel 2018 siano aumentate le cosiddette “unità collabenti”, vale a dire gli immobili ridotti in ruderi a causa del loro accentuato livello di degrado. Il numero di questi immobili – inquadrati nella categoria catastale F2 – è cresciuto del 5,3% annuo.

Ma il dato più clamoroso è quello che mette a confronto il periodo pre e post Imu: rispetto al 2011, gli immobili ridotti alla condizione di ruderi sono raddoppiati, passando da 278.121 a 548.148 (+97%).

Diminuiscono le ville, i castelli e i palazzi di pregio

L’abitazione italiana media censita in catasto ha 5,5 vani, mentre è leggermente più piccola se è di proprietà delle persone fisiche. La superficie media delle abitazioni negli archivi, calcolata come rapporto tra la superficie catastale complessiva e il numero di unità, si è confermata pari a circa 117 mq.

Nel dettaglio, è inferiore a 100 mq per le case in categoria popolare, rurale, ultrapopolare e per abitazioni e alloggi tipici dei luoghi (A/4, A/5, A/6 e A/11) e va ben oltre i 200 mq per le unità nelle categorie, abitazioni signorili, ville, castelli e palazzi di pregio (A/1, A/8 e A/9). Le unità censite come abitazioni sono oltre 35 milioni (+0,3% annuo).

In particolare, rispetto all’anno precedente, aumentano i villini (+1%), le abitazioni e gli alloggi tipici dei luoghi (+0,5%) e le abitazioni classificate come civili ed economiche (rispettivamente +0,7% e +0,4%). Calano, invece, le abitazioni signorili (-1,8%), le abitazioni popolari (-0,5%), le ville (-0,5%), i castelli e i palazzi di pregio (-0,2%) e, con tassi superiori al 2%, le abitazioni di tipo ultrapopolare e rurale (rispettivamente -2,6% e -3,2%).

Per quanto riguarda la rendita catastale, questa nel 2018 è crescita dello 0,5% annuo, confermando il trend già registrato nell’anno precedente (+0,4%). Mercato immobiliare vivace dunque, confermato anche dai più recenti Osservatori di MutuiOnline.it, secondo cui il mattone resta la maggiore “passione” del risparmiatore italiano.

Chi volesse accendere un mutuo può consultare il sito MutuiOnline.it, dove può comparare gratuitamente le più aggiornate proposte delle banche, disegnare un finanziamento in base alle proprie esigenze e anche sottoscriverlo.

A cura di Fernando Mancini
Come valuti questa notizia?
Agenzia delle Entrate: l’istantanea del mercato immobiliare Valutazione: 5/5
(basata su 2 voti)
Segnala via email Stampa
Oppure clicca qui per essere richiamato
RICERCA MUTUO
Comune di domicilio
Comune dell'immobile