Mutui: è caccia allo spread migliore

17/04/2019 in “MutuiOnline informa

Mutui: è caccia allo spread migliore

Cosa ci attende nei prossimi mesi sul mercato dei mutui? Dobbiamo temere il rialzo dei tassi di interesse da parte della Banca d’Italia?

A queste domanda si potrebbe rispondere che se il Bollettino di Bankitalia ha segnato un balzo in avanti dei tassi al 2,31%, dal 2,26 per cento rilevato a dicembre e il 2,24 per cento di ottobre (il tasso rilevato è la media sintetica di finanziamenti a tasso fisso e a tasso variabile), su scala europea il Consiglio direttivo della BCE ha ribadito l’intenzione di “mantenere un significativo stimolo monetario per un periodo prolungato”. In altri termini, a determinare l’aumento dei tassi dei mutui ci sono stati due fattori.

Il primo è che è cresciuto il peso dei mutui a tasso fisso, che notoriamente sono i più costosi: a metà dello scorso anno la previsione della fine del Quantitative easing prima e il rialzo dello spread poi, hanno scatenato una vera e propria corsa ad accaparrarsi un mutuo a tasso fisso.

L’altro motivo della correzione verso l’alto dei tassi sui mutui è da ricondursi alla necessità da parte degli istituti di credito di tutelarsi dalle turbolenze dei mercati e dal saliscendi dello spread, traducendo il maggior costo di approvvigionamento del denaro in aumenti sulla propria clientela e ritocchi del prezzo dei mutui.

Mutui: è caccia allo spread miglioreIl fenomeno è stato in realtà ridotto solo ad alcune banche e il correttivo è stato il più delle volte contenuto. A reagire sono stati i Gruppi più grossi, quelli stessi che fino a un anno prima avevano condotto una battaglia sul mercato dei mutui a suon di sconti e tassi ai minimi, ciò che ha consentito margine di manovra agli istituti più piccoli che ne hanno approfittato per competere con i loro prezzi invariati.

Ora le cose però sono cambiate, perché come scriviamo anche in “Bce rassicura sui mutui: tassi di interesse fermi fino al 2019” l’annuncio da parte della Banca centrale europea è la necessità di avviare una nuova serie di operazioni finalizzate al rifinanziamento delle banche degli Stati membri attraverso prestiti a tassi praticamente zero. È la long term refinancing operation, anche LTRO, che nasce proprio con la necessità di far fronte a “un contesto di crescita definito più debole, che rallenta l'aggiustamento dell'inflazione verso i valori prefissati”. E se gli istituti di credito riusciranno a beneficiarne, non è escluso che si possa mantenere i tassi ai livelli attuali o anche tornare a godere dei minimi storici dell’ultimo periodo.

Dunque, a determinare l’aumento del costo dei mutui ci sarebbero state le condizioni più care stabilite dalle banche, che hanno aumentano il loro spread, voce di costo che va a definire insieme al Tan e alle altre componenti di costo il ben noto Taeg.

Come contrastare i rincari voluti dalle banche?

Mutui: è caccia allo spread miglioreScegliendo la banca giusta che offre lo spread migliore. Quello da cui non si può prescindere quando si cerca un mutuo è confrontare le proposte sul mercato, e poiché farlo costerebbe tempo ed energia, allora basta affidarsi a un professionista, il migliore. MutuiOnline.it mette a confronto le proposte di 46 istituti di credito partner e offre non solo quotidianamente la lista dei migliori mutui del giorno, ma consente anche di individuare il migliore mutuo prima casa, seconda casa, surroga o ristrutturazione.

Per fare un esempio, se supponiamo che un quarantenne di Roma desideri accendere un finanziamento a 20 anni per la somma di 150.000 euro avendo come obiettivo l’acquisto di una casa che ne costa 230.000, allora potrà scegliere come mutuo migliore quello di UBI Banca.

Miglior Mutuo Prima Casa - Ubi Banca

GESTIONE in filiale
RATA 714 €
TAN 1,35% (IRS+0,40%)
TAEG 1,53%
SPESE ISTRUTTORIA 600€
SPESE PERIZIA 275 €
SPESE PERIODICHE nessuna

A cura di Paola Campanelli
Come valuti questa notizia?
Mutui: è caccia allo spread migliore Valutazione: 5/5
(basata su 1 voti)
Segnala via email Stampa
ARTICOLI CORRELATI:
I migliori mutui prima casa di settembre 2019 pubblicato il 14 settembre 2019
Mutui: surroghe e tasso fisso le star del mercato pubblicato il 12 novembre 2019
Istat: il mercato immobiliare cresce a vista d'occhio pubblicato il 06 maggio 2019
I migliori mutui ristrutturazione di ottobre 2019 pubblicato il 29 ottobre 2019
La breve guida alla scelta del mutuo migliore pubblicato il 18 ottobre 2019
RICERCA MUTUO
Comune di domicilio
Comune dell'immobile