Logo MutuiOnline
Altri marchi del Gruppo

I Millennials preferiscono l’affitto

8/07/2018 in “MutuiOnline informa

I Millennials preferiscono l’affitto

Tra le categorie di utenti che si rivolgono sempre più al mercato delle case ci sono i millennials, vale a dire i giovani nati tra il 1980 e il 2000 che rappresentano l’ultima generazione del ventesimo secolo. Le loro preferenze immobiliari sono state oggetto di indagine da parte di RE/MAX Italia, che ha analizzato acquisti e locazioni nella fascia di età tra i 25 e i 38 anni durante il primo quadrimestre del 2018.

Meglio l’affitto che l’acquisto

Il primo dato interessante sui più giovani arriva dalla percentuale di compravendite, che hanno rappresentato il 33,7% delle richieste totali: di queste, la quota maggiore arriva dalle donne, il 53,7% del campione di acquirenti, nel 66,2% dei casi alla ricerca di un trilocale.

Il 47,5% degli acquisti prevede un investimento di circa 150.000 euro, una somma di cui si dispone nel 70% dei casi grazie a un mutuo immobiliare, che va a coprire l’80% dell’importo della casa. Secondo il report, viene data priorità all’acquisto di un immobile ristrutturato (48,3%) e ben posizionato rispetto a mezzi di trasporto e ai servizi (33,8%).  

Per quanto riguarda la locazione, la quota dei millennials che la scelgono è superiore a quella rilevata per l'acquisto: rappresenta infatti il 35,6% rispetto alla totalità degli utenti che ha deciso di andare in affitto nei primi 4 mesi dell’anno. Il locatario-tipo vuole spendere in media sui 500 euro al mese, ed è in particolare una donna (54,8%) che vuole abitare in un trilocale (51%) arredato (49,6%) e ben posizionato rispetto ai mezzi di trasporto e ai servizi (31,1%).

Uno sguardo al 2017

Secondo le indagini condotte dal Gruppo Tecnocasa risulta che i giovani appartenenti alla fascia di età tra 18 e 34 anni hanno scelto nel 43,1% dei casi un immobile in affitto, mentre il restante 56,9% ha deciso di comprarlo. Nel 2016 le percentuali erano rispettivamente del 47,9% e del 52,1%.

Dalla ricerca emerge che l’acquisto della casa da parte dei giovani avviene grazie all’aiuto dei genitori, che in alcuni casi sostengono totalmente la spesa. Le tipologie immobiliari più acquistate sono i trilocali (39,5%), seguiti dai bilocali (19,6%) e dalle soluzioni indipendenti e semi-indipendenti (18,5%), mentre nella tipologia di acquirenti i single rappresentano il 33,6%.

Tra i millennials che hanno optato per la locazione, il 42,6% lo ha fatto per motivi di lavoro mentre il 16,6% abita in affitto in quanto ancora studente. Il bilocale è la tipologia di immobile presa più in considerazione dai giovani locatari, con il 44,2%, mentre la scelta del trilocale rappresenta circa un terzo delle preferenze (29,8%). Per quanto riguarda il contratto sottoscritto, il 50,1% dei millennials stipula quello a canone libero, contro il 24,1% a canone concordato e il 25,8% del transitorio.

L’aiuto per i più giovani dal Fondo di garanzia prima casa

Ricordiamo che il Fondo garanzia prima casa ha come finalità la concessione di garanzie da parte dello Stato nella misura massima del 50% della quota capitale di mutui ipotecari di ammontare non superiore a 250 mila euro, per l’acquisto, la ristrutturazione o l’accrescimento di efficienza energetica di immobili che costituiscano abitazione principale del mutuatario. Il Fondo prevede un tasso calmierato per le giovani coppie dove almeno uno dei due componenti non abbia superato i 35 anni. La domanda per accedervi (di cui si può approfondire nella news “Fondo di Garanzia prima casa, le agevolazioni per il 2018”) deve essere presentata presso l’istituto di credito o l’intermediario, che una volta raccolta la documentazione avrà l’onere di inoltrarla alla Consap – Comitato Nazionale Servizi Pubblici – il Gestore del Fondo per la Casa. 

La scelta del mutuo

Basta consultare il portale MutuiOnline.it per individuare i prestiti per la casa più vantaggiosi offerti dai vari istituti di credito.  

Ipotizzando al 28 di giugno di voler stipulare un mutuo di 140.000 euro per acquistare una prima casa a Roma (proprietario 35 enne, valore dell’immobile 220.000 euro, piano di ammortamento di 20 anni), si scopre la convenienza del tasso variabile offerto da Unicredit. Mutuo Unicredit Tasso Variabile prevede una rata mensile di 617,47 euro e Taeg 0,71% (Tasso del 0,57%), con spese di perizia o istruttoria pari a 211,06 e 500 euro. Ricordiamo che questo prestito include tre servizi particolarmente vantaggiosi, che sono:

- Taglia Rata, per sospendere il pagamento della quota capitale fino ad un massimo di 12 mesi;

- Riduci Rata, per allungare il piano dei pagamenti fino ad un massimo di 48 mesi;

- Sposta Rata, per slittare in avanti il piano dei pagamenti fino ad un massimo di tre mesi.

Volendo optare per il tasso fisso, la soluzione più interessante è Mutuo Domus Fisso di Intesa Sanpaolo, con rata mensile di 669,14 euro e Taeg dell’1,6% (Tan 1,4%). In questo caso le spese di perizia e istruttoria sono pari a 320 e 750 euro: per le domande di mutuo sottoscritte entro la fine di giugno è disponibile la Promozione Mutuo Domus Fisso + Sky che prevede uno sconto sulle spese di istruttoria del mutuo e la sottoscrizione di un’offerta Sky dedicata a condizioni vantaggiose.

A cura di Paola Campanelli
Come valuti questa notizia?
I Millennials preferiscono l’affitto Valutazione: 5/5
(basata su 1 voti)
Segnala via email Stampa
Oppure clicca qui per essere richiamato
RICERCA MUTUO
Comune di domicilio
Comune dell'immobile