Logo MutuiOnline
Altri marchi del Gruppo

Immobili: i vantaggi del nuovo sull’usato

24/03/2018 in “MutuiOnline informa

Immobili: i vantaggi del nuovo sull’usato

Efficienza energetica uguale risparmio. Lo hanno capito gli italiani che acquistano casa e che negli ultimi anni si sono dimostrati sempre più sensibili al tema dell’efficienza energetica, tanto da considerarla come prioritaria per l’acquisto.

Come avevamo scritto nella nostra news "In aumento le compravendite di immobili in classe A",  secondo il “Rapporto annuale sull’andamento del mercato immobiliare urbano” realizzato da ENEA, Istituto per la Competitività (I-Com) e Federazione Italiana degli Agenti Immobiliari Professionisti (FIAIP), le compravendite di nuovi immobili delle classi A+, A e B sono aumentate nel 2016 del 10%. Non solo, perché il 60% delle trattative concluse nel mercato nuove costruzioni ha avuto come oggetto immobili delle classi energetiche più efficienti.

Cresce l’interesse per la classe energetica dell’immobile

Secondo le rilevazioni di Tecnocasa e Tecnorete, c’è una tendenza da parte dei futuri acquirenti a raccogliere informazioni riguardo alle prestazioni energetiche dell’immobile, in special modo in chi acquista una seconda casa da destinare alle vacanze, per la quale si tende a ottimizzare i costi e ridurli al solo periodo di utilizzo dell’appartamento.

La consapevolezza sempre maggiore dei potenziali acquirenti che una casa in classe A non solo consente un importante risparmio energetico, ma vuol dire maggior comfort e standard più elevati di qualità dei materiali di costruzione, porta a una domanda sempre più esigente e preparata, disposta a pagare un prezzo più alto, ma sicura che si tratta di un investimento sul futuro.

Un mercato poco incoraggiante

Di fatto, i numeri non danno ragione a questa fetta di mercato interessato ad alzare lo standard dell’acquisto, perché se si guarda la classe energetica degli immobili in vendita, è la G quella dominante, ben lontana dalle prestazioni di una classe energetica A o B. Ed è proprio il gap che si crea tra i desiderata degli acquirenti e il livello di offerta sul mercato una delle cause principali dello stallo dei prezzi. Come sostiene uno dei partner di EY Marco Daviddi, Real Estate leader per l’Italia: “lo stock residenziale esistente ha caratteristiche, ad esempio dimensionali, costruttive, energetiche, tali per cui rischia di essere sempre più lontano dalla richieste del mercato di oggi”.

Il motivo dei prezzi ancora bassi dell’usato

Così i prezzi dell’usato continuano a ridursi, mentre quelli del nuovo crescono. “Dopo diversi anni di freno generalizzato nell’attività di sviluppo residenziale, testimoniato anche dal ridotto numero di nuove abitazioni immesse sul mercato che ha subito una contrazione dell’80% circa rispetto al massimo registrato nel 2005, la ripresa delle compravendite ha determinato un elevato assorbimento dello stock di invenduto e riteniamo che ci siano a questo punto le condizioni per procedere con nuovi sviluppi”, commenta ancora Daviddi.

Gli sconti fiscali per le classi energetiche superiori

Senza dimenticare le agevolazioni fiscali consentite a chi acquista un immobile di classe energetica superiore. In "Risparmiare acquistando una casa in prima classe" scriviamo che il Governo premia lo sforzo economico con uno sconto sull’Iva pari al 50%. La detrazione del 50% sull’imposta spetta anche nel caso in cui l’immobile sia stato ristrutturato secondo criteri di efficienza energetica, allo stesso modo se si tratta di acquisto di seconda casa, per la quale l’Iva da versare è del 10% e non del 4%. Inoltre lo sconto vale per le pertinenze, se si acquista ad esempio il garage o la cantina insieme all’appartamento: queste avranno lo stesso trattamento fiscale dell’immobile principale.

Le detrazioni fiscali per chi acquista con un mutuo

Se la casa è acquistata facendo ricorso a un mutuo, un ulteriore vantaggio fiscale è la detrazione degli interessi passivi che derivano dal finanziamento, oltre che degli oneri accessori e delle quote di rivalutazione pagate alla banca. La quota massima che è possibile detrarre ogni anno è di 4.000 euro e va ripartita tra tutti gli intestatari del mutuo nel caso fossero più di uno.

Se il mutuo si sceglie su MutuiOnline.itè possibile ottenere un ulteriore risparmio trovando la soluzione più conveniente secondo il differente profilo di chi lo richiede. A titolo di esempio, una richiesta da parte di un 40enne di Roma che necessita di una somma di 100.000 euro a 20 anni e tasso fisso per un valore dell’immobile di classe energetica superiore di 200.000 euro, il 19 di marzo il mutuo in assoluto migliore per lui è quello di IWBank.

Mutuo a Tasso Variabile Semprelight ha una rata di 312,54 euro al Tan dello 0,80% e Taeg 0,95%. Le spese di istruttoria sono di 312,54 euro, quelle di perizia zero, così come le spese di gestione del finanziamento. Il mutuo finanzia un importo massimo pari all’80% del minore tra il valore di perizia dell'immobile e l'importo di compravendita dichiarato in atto, per gli edifici appartenenti alle classi energetiche A e B, e fino al 70% del valore dell’immobile per gli edifici appartenenti a classi energetiche diverse da A e B.

A cura di Paola Campanelli
Come valuti questa notizia?
Immobili: i vantaggi del nuovo sull’usato Valutazione: 4/5
(basata su 4 voti)
Segnala via email Stampa
ARTICOLI CORRELATI:
Immobiliare residenziale: la provincia supera la città pubblicato il 4 luglio 2018
Immobili: si inverte il trend dei prezzi? pubblicato il 22 ottobre 2018
Mercato immobiliare: è ripresa dei prezzi? pubblicato il 7 novembre 2018
Mutui: chi può stare tranquillo con i nuovi rincari? pubblicato il 8 novembre 2018
Immobiliare: Milano verso la saturazione del mercato pubblicato il 19 ottobre 2018
Oppure clicca qui per essere richiamato
RICERCA MUTUO
Comune di domicilio
Comune dell'immobile