Logo MutuiOnline
Altri marchi del Gruppo

Mercato immobiliare europeo: funzionano le piccole metrature

9/03/2018 in “MutuiOnline informa

Mercato immobiliare europeo: funzionano le piccole metrature

I Paesi del Vecchio Continente vedono crescere le soluzioni immobiliari che si sviluppano su pochi metri quadrati. Le case più piccole sono destinate soprattutto alle nuove generazioni che necessitano di una casa in città per lavoro, studio o esigenze di turismo, e che sempre più spesso decidono di vivere in affitto.

In Germania ad esempio si sono già realizzati migliaia di micro-appartamenti, mentre altri potrebbero essere ultimati entro il dicembre di quest’anno. Gli immobili, situati in particolare a Berlino, Francoforte e Amburgo, tendono a ottimizzare gli spazi nel modo migliore possibile: “all’interno degli stessi edifici”, spiega Alessandro Ghisolfi dell’ufficio studi di Abitare Co, “sono spesso progettati degli spazi di condivisione per coloro che vi abitano, dalle sale comuni dove lavorare alla lavanderia, sino alla zona pranzo con cucina comune. Gli affitti sono regolamentati a volte attraverso accordi con le autorità comunali locali e, comunque, si attestano sempre su valori inferiori rispetto al costo di un affitto per una stanza singola, attestandosi sui 400 euro al mese, fra il 25 e il 50% in meno.

E in Italia?

Gli immobili residenziali italiani sono orientati verso stock di medio-grandi dimensioni. Tuttavia la domanda di monolocali e bilocali sta salendo repentinamente, visto il 31,6% dei nuclei italiani è composto da una sola persona. Le iniziative si concentrano soprattutto sul mercato milanese, dove le abitazioni fino a 50 metri quadri scambiate nel 2017 hanno superato il 14% del totale e dove la domanda è alla ricerca di spazi ristretti soprattutto nelle zone centrali. Tra le città che seguono questo trend troviamo anche Torino e Napoli, rispettivamente con il 13% e 17,1%; per quanto riguarda Roma, l’11% degli acquirenti ha scelto l’immobile con una sola stanza.

Analizzando la metratura media delle abitazioni compravendute durante la prima parte dello scorso anno, si nota che si è attestata sui 105 metri quadri. Allo stesso tempo sono stati tanti i trasferimenti che hanno riguardato le soluzioni immobiliari con una grandezza compresa tra i 50 e gli 85 metri quadri, con oltre il 30% delle transazioni totali. Sempre a livello nazionale, gli immobili più ampi – più di 115 metri – hanno rappresentato il 16% degli scambi, il 9% invece è la percentuale degli alloggi di grandezza inferiore ai 50 metri quadrati. 

Finanziare l’acquisto resta un must

Comprare una casa più piccola permette di investire somme di denaro minori, anche se molto dipende dalla tipologia dell’immobile (nuovo o da ristrutturare) e dalla zona in cui è situato. Un aiuto per l’acquisto arriva dalla stipula di un finanziamento, che in questo momento trova il favore da parte delle banche disponibili a praticare condizioni molto vantaggiose pur di fedelizzare il cliente.

Nella news Immobiliare: Bankitalia certifica la crescita della domanda abbiamo riportato che solo nel 15,4% dei casi si verifica la perdita dell'opportunità di un mutuo per la difficoltà da parte del soggetto ad ottenerlo, una soglia che è la più bassa mai registrata dal 2009.

Ricordiamo che MutuiOnline.it è il portale che compara i prestiti per la casa più convenienti sul mercato, grazie alle soluzioni offerte dai primari istituti di credito partner. Considerando al 5 di marzo l’ipotesi che un 40enne di Milano richieda 135.000 euro a 20 anni (tasso fisso) per un valore della prima casa di 200.000 euro, risulterà come migliore soluzione a gestione online quella di Hello Bank!. La rata da corrispondere è di 667,07 euro al Tan dell’1,75% e Taeg dell’1,87%, le spese da sostenere sono quelle di istruttoria per 200 euro e di perizia per 300 euro. Per l’erogazione della somma sarà necessaria la presenza di un conto corrente Hello bank! di pari intestazione.

Qualora si decida di optare per il variabile, si distingue la Banca Monte dei Paschi di Siena che con Mutuo Giovani Coppie e Famiglie permette di sostenere 602,96 euro mensili (Tan 0,70% e Taeg 0,91%). Le spese di perizia sono più alte, 675 euro, mentre l’istruttoria ha lo stesso costo visto per il fisso, 300 euro. L’istituto concede il prestito solo a privati consumatori e fino a un massimo dell’80% del valore cauzionale dell’immobile offerto in garanzia.

A cura di Paola Campanelli
Come valuti questa notizia?
Mercato immobiliare europeo: funzionano le piccole metrature Valutazione: 4,5/5
(basata su 4 voti)
Segnala via email Stampa
ARTICOLI CORRELATI:
Immobiliare residenziale: la provincia supera la città pubblicato il 4 luglio 2018
Mutui: c’è ancora tempo per fare affari pubblicato il 17 novembre 2018
Immobili: in salita i rendimenti del comparto residenziale pubblicato il 24 novembre 2018
Immobili: si inverte il trend dei prezzi? pubblicato il 22 ottobre 2018
A novembre crescono mutui, surroghe e importi richiesti pubblicato il 11 dicembre 2018
Oppure clicca qui per essere richiamato
RICERCA MUTUO
Comune di domicilio
Comune dell'immobile