Logo MutuiOnline
Altri marchi del Gruppo

Affitti, il trend del 2017

22/12/2017 in “MutuiOnline informa

In Italia si affitta principalmente a studenti e lavoratori. Quasi un quinto di chi si rivolge al mercato dell’affitto ha meno di 25 anni, il 33,6% non ha ancora 35 anni: i dati arrivano dall’ultimo Rapporto sulle locazioni 2017 di Solo Affitti, che li ha elaborati con il supporto scientifico di Nomisma.

Secondo l’indagine, a muovere questo mercato è soprattutto chi si sposta per studio e per lavoro. In città del Nord come Bologna e Trieste oltre la metà dei locatari sono lavoratori in trasferta, mentre per quanto riguarda gli universitari la quota è particolarmente significativa a Bari (35%), Firenze (40%) e Milano (35%). Diverso il trend a Campobasso e Napoli, dove l’emergenza abitativa spinge rispettivamente l’80% e il 70% degli inquilini a scegliere l’affitto come abitazione principale.

I single in affitto

Si riduce il dato sulle persone singole che occupano un appartamento in affitto (dal 23,8% al 21,3%), anche se la loro presenza è più massiccia a Trieste (60%) e Perugia (45%), un andamento che si discosta rispetto a quanto rilevato nella news L’affitto è una questione da single, i cui dati si riferiscono alla fine del 2016. A crescere invece è la percentuale di affittuari che scelgono di condividere la casa con altri inquilini per abbassarne i costi, passati dal 13% dello scorso anno all’attuale 16,3%, un fenomeno che interessa in particolare Firenze (35%), Bologna (33%) e Milano (27,5%). Importanti anche i numeri delle locazioni agli extracomunitari, a cui viene attribuito il 18,1% della domanda totale, con punte più elevate a Bologna (36,7%), Trieste (35%) e Venezia (30%).

Il successo degli affitti brevi

Nell’ultimo anno è quasi triplicata la quota di chi sceglie la locazione per brevi periodi, passata dallo 0,8% al 2,1%. Le ragioni principali riguardano non solo il turismo, ma anche le trasferte occasionali o l’assistenza a famigliari ricoverati in ospedali di città diverse da quelle di residenza. “Quello degli affitti brevi”, dichiara Silvia Spronelli, presidente di Solo Affitti, “è un trend destinato a crescere non solo perché viene promosso sempre più spesso dagli agenti immobiliari ma anche perché i proprietari, alla luce delle norme introdotte quest’estate, preferiscono affidarsi a dei professionisti per la gestione delle pratiche burocratiche e fiscali”. In Italia si contano oltre 6 milioni di abitazioni a disposizione per la locazione, con gli affitti brevi che riguardano più di 500 mila immobili. Recentemente il settore è stato interessato dalla nuova normativa che regola gli aspetti fiscali, trattata nell’articolo Affitti brevi: i limiti della tassa Airbnb, secondo cui è previsto l’obbligo per gli intermediari immobiliari di operare le ritenute del 21% sugli affitti incassati e versati ai locatori. Il provvedimento voluto dal Governo ha lo scopo di ridurre il fenomeno delle locazioni in nero, visto che il legislatore si assicura un prelievo su tutti gli affitti turistici brevi senza passare dal locatore (il quale si troverà a essere soggetto passivo della ritenuta).

Crescono gli acquirenti che comprano per affittare

La compravendita di una casa torna a essere un’alternativa valida per investire i propri risparmi, una soluzione che nelle preferenze degli italiani è cresciuta quasi del 2% tra il 2013 e il 2016, attestandosi al 18,6%. Lo abbiamo rilevato in Immobili: torna l’acquisto per investimento, dove evidenziamo che l’investimento è stato incentivato sia dai prezzi sempre più competitivi delle case che dalla risalita dei rendimenti annui della locazione. L’andamento è in continua crescita grazie anche alle migliori condizioni del mercato del credito, con i mutui erogati dalle banche che offrono tassi ancora convenienti.

Come risparmiare sul finanziamento per la seconda casa

Grazie a MutuiOnline.it si possono confrontare le soluzioni di prestito migliori, capaci di soddisfare le esigenze di qualunque mutuatario. Volendo effettuare una simulazione tramite il form disponibile sul portale per un impiegato di Padova 45enne (acquisto seconda casa, importo del mutuo di 120.000 euro da restituire in 15 anni, valore dell’immobile 250.000 euro) si scopre che il prestito più vantaggioso al 18 dicembre è di Unicredit, che propone Mutuo Unicredit Tasso Variabile con una rata mensile di 700,76 euro e un Tasso dello 0,67% (Taeg 1,09%). Spese di perizia e istruttoria sono di 500 e 211,06 euro, mentre l’età massima del richiedente più giovane alla scadenza del prestito non può eccedere i 80 anni compiuti. Tra i servizi inclusi troviamo Riduci Rata che offre al cliente la possibilità di allungare il piano dei pagamenti fino ad un massimo di 48 mesi.

A cura di Paola Campanelli
Come valuti questa notizia?
Affitti, il trend del 2017 Valutazione: 4,3/5
(basata su 3 voti)
Segnala via email Stampa
ARTICOLI CORRELATI:
Condhotel: cosa sono e come funzionano pubblicato il 11 giugno 2018
Affitti a Milano: trend al rialzo per domande e canoni pubblicato il 1 luglio 2018
Mutui per i giovani: tutte le novità pubblicato il 9 luglio 2018
Milano nella top ten mondiale degli affitti più cari pubblicato il 8 agosto 2018
Ancora in crescita i rendimenti delle case pubblicato il 6 agosto 2018
Oppure clicca qui per essere richiamato
RICERCA MUTUO
Comune di domicilio
Comune dell'immobile