Compravendite immobiliari: il mattone continua a vendere

09/08/2017 in “MutuiOnline informa

Compravendite immobiliari: il mattone continua a vendere

Arriviamo da un anno molto fortunato per le compravendite immobiliari, quello decisivo della svolta nel nostro mercato, ed è per questo che i numeri delle statistiche di questo 2017 risultano spesso ingloriosi rispetto al boom dell’anno precedente.

Così, dopo aver celebrato nella nostra news "L’Istat certifica la ripresa del mattone" un +17,0% delle compravendite nel 2016, arrivano i dati dello stesso Istituto di Statistica per i primi tre mesi di questo anno. Dalle indagini emerge che le convenzioni notarili di compravendite per unità immobiliari crescono dell’1,8%, con un +1,6% del settore abitativo e +4,5% del comparto economico, per un volume totale di 169.527 transazioni.

Se confrontate sull’anno, le stesse convenzioni notarili di compravendite registrano una crescita del 6,5%, evidenziando il rallentamento del comparto come visto sopra. La quasi totalità delle transazioni ha riguardato il settore abitativo, con un volume di 159.024 immobili transati e una percentuale del 93,8% sul totale rilevato. Solo il 5,6% degli immobili oggetto di transazioni era a uso economico, per un volume di 9.534, mentre un piccolo 0,6% ha riguardato gli immobili a uso speciale e le multiproprietà (in totale 969).

Bene il settore residenziale, con lo stesso +6,5%, ma i numeri sono buoni anche per il comparto economico che realizza +5,5%. E per quanto l’aumento sia diffuso il tutto il Paese, è il Nord-est Italia che registra gli incrementi più importanti: +8,8% nel residenziale, seguito dal buon +8,2% del Nord-ovest, mentre i numeri migliori del settore economico si ritrovano ancora nel Nord-est Italia oltre che nelle Isole, con rispettivamente +8,1% e +9,5%.

Come spesso accade, sono le città metropolitane a godere dei maggiori benefici della crescita, realizzando un +7,0% per il settore residenziale, ma fanno bene anche i piccoli centri portando a casa sull’anno un buon +6,1%. Le città minori recuperano invece sul comparto economico, con un +6,2% rispetto al 4,6% delle grandi città.

Come scriviamo in "Crescono le compravendite e il clima di fiducia", in un momento in cui il mercato finanziario mostra la sua vulnerabilità, il mattone riprende il suo smalto e torna ad essere la scelta di investimento delle famiglie. Le condizioni del credito, i tassi dei mutui su valori minimi e l’allentamento dei criteri di offerta sui prestiti da parte delle banche favoriscono questo trend e il risultato non è solo l’aumento delle compravendite visto in apertura, ma anche un aumento delle convenzioni notarili per mutui, finanziamenti e altre obbligazioni con costituzione di ipoteca immobiliare. I dati Istat ne contano 97.199, con un incremento del 2,5% rispetto al trimestre precedente e del 10,7% su base annua, con il fenomeno che riguarda in generale tutto il Paese, in special modo ancora il Nord-ovest con +12,2% e il Centro con +10,8%. Si concludono più transazioni con ricorso a un mutuo nelle grandi città, che fanno registrare una crescita del 12,2%, rispetto al +9,8% dei piccoli centri.

Ma come scegliere il finanziamento migliore per la propria casa? Ne abbiamo scritto in "Come scegliere il migliore mutuo a tasso variabile", dove tra le altre dritte ricordiamo di fare attenzione alle situazioni in cui la banca non utilizza la cosiddetta clausola floor, sottraendo l’intero valore (ora negativo) dell’attuale tasso: a parità di trattamento finale, la banca che sottrae l’Euribor (il cui valore è in questo momento è appunto di -0,35%) applicherà uno spread più alto rispetto a quella che non lo sottrae. E quando i valori dei tassi si alzeranno, la differenza di spread emergerà e condizionerà la rata finale, che sarà maggiore.

Ancora, per scegliere il miglior mutuo a tasso variabile, che in questo momento garantisce la migliore convenienza visti i valori praticamente immobili dell’Euribor, basta visitare il portale MutuiOnline.it e cercare le proposte a tasso variabile più convenienti della rete.

Se supponiamo la richiesta di un impiegato quarantenne di Bari per un finanziamento a tasso variabile di 140.000 euro a 20 anni, con valore dell’immobile di 240.000 euro, il prodotto migliore sarà Mutuo Valore Tuo di Unicredit. La rata mensile è di 638,62 euro al Tasso variabile dello 0,92% e Taeg dell’1,06%. Le spese di istruttoria sono di 500 euro, quelle di perizia di 211 euro e la banca offre la polizza casa obbligatoria gratuita. Il mutuo è destinato a tutte le persone fisiche che agiscono per scopi strettamente personali estranei all'attività imprenditoriale, commerciale, artigianale o professionale che eventualmente svolgono. L’età massima del richiedente più giovane alla scadenza del mutuo non può eccedere gli 80 anni compiuti. L’età massima dei garanti a fine mutuo non può eccedere la soglia degli 80 anni.

A cura di Paola Campanelli
Come valuti questa notizia?
Compravendite immobiliari: il mattone continua a vendere Valutazione: 5/5
(basata su 3 voti)
Segnala via email Stampa
ARTICOLI CORRELATI:
I migliori mutui prima casa di settembre 2019 pubblicato il 14 settembre 2019
Mutui: surroghe e tasso fisso le star del mercato pubblicato il 12 novembre 2019
I migliori mutui ristrutturazione di ottobre 2019 pubblicato il 29 ottobre 2019
La breve guida alla scelta del mutuo migliore pubblicato il 18 ottobre 2019
Mutui prima casa, come funziona il Fondo di garanzia pubblicato il 29 ottobre 2019
RICERCA MUTUO
Comune di domicilio
Comune dell'immobile