Logo MutuiOnline
Altri marchi del Gruppo

Mutui: risparmiare non è mai stato così semplice

29/06/2017 in “MutuiOnline informa

Mutui: risparmiare non è mai stato così sempliceOggi scegliere il mutuo più adatto alle proprie esigenze è un’operazione più facile e conveniente che in passato. A disposizione dei consumatori troviamo numerosi strumenti, tra cui ad esempio i comparatori online, che consentono un rapido ed intuitivo confronto tra le diverse offerte disponibili. Inoltre le condizioni del mercato rendono i finanziamenti parecchio appetibili, come dimostrano anche gli ultimi aggiornamenti Crif.

Lo abbiamo visto di recente nell’articolo "Sempre più mutui nei piani degli italiani": secondo il 42esimo Osservatorio sul credito al dettaglio, nel periodo gennaio-marzo 2017 i mutui di acquisto sono aumentati del 25,8%. Anche se inferiore rispetto all’accellerata del 2016, questa percentuale è comunque un segnale di profonda fiducia nel credito.

Come dicevamo, in questo periodo ad ingolosire i consumatori non troviamo solo una gamma di prodotti sempre più ampia, ma anche la convenienza. Come fare ad individuare le migliori offerte? Di seguito raccogliamo alcuni consigli che, in diverse occasioni, abbiamo già approfondito.

Partiamo calcolando la nostra effettiva capacità di rimborso. Le banche sono molto attente a questo parametro e ipotizzano che il corretto rapporto rata/reddito si aggiri intorno a 1/3.
Quando si sceglie di accendere un mutuo, vale la pena controllare lo stato dei finanziamenti in essere, se presenti: chiedere un nuovo finanziamento prima di fare la richiesta di mutuo può essere penalizzante.

Per determinare la rata sostenibile, esistono numerosi strumenti di calcolo, anche sul web: ad esempio il sito MutuiOnline.it mette a disposizione degli utenti una sezione dedicata, in cui è possibile calcolare non solo la rata del proprio mutuo, ma anche il piano di ammortamento.

Per quanto riguarda le diverse opzioni, oggi è possibile orientarsi indistintamente sul fisso e sul variabile, beneficiando ugualmente di proposte vantaggiose.

Come riportato nella news "Mutui: adesso conviene il variabile", l’Osservatorio di MutuiOnline.it al 31 maggio evidenzia l’ormai considerevole gap tra i due valori medi dei tassi: 2,34% per il fisso (era 2,30% ad aprile) e 1,07% per il variabile (era 1,23% ad aprile).

Se consideriamo le differenze di prezzo e le prospettive a medio termine, chi opta per un tasso variabile fa probabilmente una scelta ottimale, anche sul medio lungo periodo.

Spesso, soprattutto di recente, abbiamo affrontato il tema dei prodotti misti o con Cap: si tratta di quei prodotti che consentono di cambiare periodicamente il tasso di interesse, passando da fisso a variabile e viceversa, oppure di fissare un limite massimo oltre il quale il tasso d'interesse non potrà mai salire, anche se lo fanno i tassi di mercato.

In questi casi è bene controllare se sono presenti costi maggiori per il mutuo, legati alla copertura aggiuntiva che di solito non viene prevista per i mutui casa tradizionali.

Nella scelta, indipendentemente dalla tipologia di tasso, incidono molto due parametri, ovvero spread e Taeg. Quanto chiedete un preventivo, soffermatevi su questi dati.

Uno spread più basso diminuisce il tasso applicato dalla banca, perchè in questo modo si riduce il costo effettivo che l’istituto di credito applica per la concessione del mutuo. 

In pratica, minore è lo spread, più contenuti saranno gli interessi da rimborsare.

Lo spread si aggiunge al tasso di interesse del finanziamento richiesto e definisce il costo fisso del mutuo. Invitandovi a leggere la voce di glossario dedicata, vi ricordiamo che il tasso dei mutui viene determinato nel modo seguente:

- Mutuo a tasso variabile = Spread + Euribor;

- Mutuo a tasso fisso = Spread + Eurirs (detto anche Irs);

Veniamo ora al Taeg, che permette di conoscere il costo reale del mutuo, comprensivo delle spese accessorie, di perizia e d'istruttoria, previste per la sottoscrizione del mutuo.

Ricordate che, nel chiedere un preventivo, non basta focalizzarsi sulla rata più bassa, perchè si corre il rischio di non considerare spese iniziali che spesso vanno profondamente ad incidere sul budget.

Infine, non dimentichiamoci le agevolazioni prima casa, che consentono di risparmiare e ridurre i costi legati all’abitazione o al mutuo.

Si trovano maggiori dettagli nell’articolo: "Acquisto della prima casa: risparmiare con le agevolazioni fiscali".

Se ora siete pronti a richiedere il vostro mutuo, date un’occhiata alla sezione con le migliori offerte del giorno oppure compilate l'apposito form in homepage per ottenere un preventivo gratuito e personalizzato.

A cura di Alessia De Falco
Come valuti questa notizia?
Mutui: risparmiare non è mai stato così semplice Valutazione: 3,8/5
(basata su 4 voti)
Segnala via email Stampa
ARTICOLI CORRELATI:
Qual è il prezzo da pagare per la sicurezza del tasso fisso? pubblicato il 24 agosto 2018
Mutui per i giovani: tutte le novità pubblicato il 9 luglio 2018
Mutui e Gdpr: cosa cambia per banche e mutuatari pubblicato il 14 luglio 2018
Mutui: i tassi sfidano le leggi del mercato pubblicato il 14 settembre 2018
I migliori mutui liquidità di settembre 2018 pubblicato il 10 settembre 2018
Oppure clicca qui per essere richiamato
RICERCA MUTUO
Comune di domicilio
Comune dell'immobile