Logo MutuiOnline
Altri marchi del Gruppo

Abi: la rivoluzione verde parte dai mutui

24/06/2017 in “MutuiOnline informa

L’Italia è sempre più attenta ai temi green, a partire dal mercato immobiliare. Lo testimoniano le recenti proposte di Abi, Associazione Bancaria Italiana, per alleggerire i vincoli di capitale delle banche sui mutui legati agli immobili ad alto risparmio energetico.

E’ stato lo stesso Direttore Generale Abi, Giovanni Sabatini, a sottolineare l’importanza di focalizzarsi su questo settore in espansione.

Come evidenziato nell’articolo "In aumento le compravendite di immobili in classe A", stando al “Rapporto annuale sull’andamento del mercato immobiliare urbano”, realizzato da ENEA, Istituto per la Competitività (I-Com) e Federazione Italiana degli Agenti Immobiliari Professionisti (FIAIP), gli acquisti in questo settore sono aumentati del 10% nel 2016.

Nell’ultimo anno il valore delle compravendite è passato da 76 a 89 miliardi di euro, per un totale di 534 mila abitazioni, cui si aggiungono gli investimenti finalizzati alla ristrutturazione e all’efficientamento energetico.

Il risparmio energetico sembra dunque essere uno tra i fattori che maggiormente influenzano la scelta dei mutuatari.

Si tratta di un tema sentito anche a livello europeo: recentemente il Parlamento Europeo, la Commissione Europea e le autorità locali si sono riuniti per progettare soluzioni concrete per accrescere l’efficienza energetica nell’Unione Europea, riconfermando l’impegno degli Accordi di Parigi della COP21.

Il così detto piano d’azione per i mutui per l’efficienza energetica (EeMAP) prevede la creazione di prodotti ad hoc, con condizioni di favore per i proprietari che vogliono migliorare le prestazioni energetiche di appartamenti ed edifici.

Si tratta di un’iniziativa strategica, volta a contrastare i cambiamenti climatici e migliorare la sostenibilità, in una prospettiva ambientale, finanziaria e economica.

Basti pensare che, negli Stati Membri dell’Unione Europea, gli edifici contribuiscono al 40% del consumo di energia e al 36% dell’emissione di CO2 nell’aria. 

Secondo le stime europee, se volessimo ridurre del 20% i gas serra rispetto alle emissioni del 1990, servirebbero 100 miliardi di investimenti privati nei prossimi 4 anni.

Da gennaio ad oggi, in abbinamento ai mutui green, sono stati condotti numerosi studi sulle possibilità di sviluppo dei così detti rating verdi, le certificazioni volte a calcolare la profittabilità e i margini di rischio degli interventi di efficientamento.

Per quanto riguarda i mutui, tra le ipotesi in fase di studio, troviamo la possibilità di creare piani di ammortamento legati al superamento di obiettivi di risparmio: una volta raggiunto il target, il tasso di interesse si abbassa automaticamente.

Si tratta di manovre che portano indiscutibili benefici sia per chi acquista, sia per le banche, grazie ad un aumento di valore delle abitazioni su cui vengono iscritte le ipoteche.

In attesa che si sviluppino ulteriormente queste linee guida, ricordiamo che esistono già sul mercato numerosi prodotti per finanziare le ristrutturazioni e gli interventi di efficientamento energetico. E’ un ottimo periodo per approfittarne, dato che, fino a fine 2017, restano in vigore le detrazioni del 65% e del 50% per riqualificazione energetica e ristrutturazione.

Un valido aiuto arriva dai comparatori web come MutuiOnline.it che permettono in pochi click di avere preventivi personalizzati e gratuiti.

Facciamo un esempio al 15 giugno, ipotizzando di chiedere un mutuo ristrutturazione di 80.000 euro per un immobile sito a Verona, del valore di 300.000 euro, da rimborsare in dieci anni. La miglior proposta a tasso fisso è di Cassa di Risparmio del Veneto, con una rata mensile di 714,81 euro e Taeg 1,95%. L’istruttoria costa 900 euro e la perizia 320 euro.

A tasso variabile, troviamo la soluzione di Webank, con rata mensile di 700,85 euro e Taeg 1,06%, senza costi di istruttoria e perizia. Volendo dare un’occhiata agli aggiornamenti quotidiani sul sito MutuiOnline.it, ricordiamo che esiste una pagina dedicata ai migliori mutui, per diverse finalità, con le offerte più convenienti del giorno.

A cura di Alessia De Falco
Come valuti questa notizia?
Abi: la rivoluzione verde parte dai mutui Valutazione: 4/5
(basata su 1 voti)
Segnala via email Stampa
ARTICOLI CORRELATI:
Modello 730: ecco le detrazioni possibili per i mutui prima casa pubblicato il 18 maggio 2018
Immobili: i vantaggi del nuovo sull’usato pubblicato il 24 marzo 2018
I mutui verdi: a che punto siamo in Italia? pubblicato il 17 maggio 2018
Le detrazioni alleggeriscono il peso del mutuo pubblicato il 1 maggio 2018
Ecobonus: le anticipazioni per il 2018 pubblicato il 24 ottobre 2017
Oppure clicca qui per essere richiamato
RICERCA MUTUO
Comune di domicilio
Comune dell'immobile