Logo MutuiOnline
Altri marchi del Gruppo

Il mercato delle abitazioni in Italia

4/12/2016 in “MutuiOnline informa

ÈIl mercato delle abitazioni in Italia stato pubblicato il Sondaggio congiunturale sul mercato delle abitazioni in Italia, relativo all'ultimo trimestre 2016. L'indagine, condotta da Banca d'Italia, Tecnoborsa e Agenzia delle Entrate (Osservatorio del Mercato Immobiliare), riguarda l'ultimo andamento e le prospettive a breve termine del mercato degli immobili residenziali.

Il sondaggio si è svolto in Italia tra il 27 settembre e il 21 ottobre 2016 e ha coinvolto 1.404 agenzie immobiliari. Le domande erano focalizzate sulle attività di compravendita e locazione, sui relativi prezzi nel trimestre luglio-settembre 2016 e sulle prospettive di breve periodo.

In riferimento ai prezzi delle abitazioni, il 64% degli operatori ha confermato la stabilità dei prezzi di vendita, una percentuale più alta rispetto al trimestre precedente. Mentre si è ridotto il numero di operatori (34,6%) che ha indicato una diminuzione dei prezzi, nonostante l'Eurostat indichi che la discesa sia ormai un fenomeno europeo. Solo il 3,7% ha segnalato un aumento dei prezzi.

Sulle compravendite, la percentuale di agenzie che hanno venduto almeno un’abitazione è leggermente aumentata rispetto al trimestre precedente arrivando al 72,9%. 

Per quanto riguarda gli incarichi a vendere, il saldo tra le risposte di aumento e di diminuzione delle giacenze di incarichi a vendere è rimasto sui livelli della precedente indagine; mentre quello delle risposte relativo ai nuovi mandati è diminuito, arrivando a toccare livelli leggermente negativi. Il 61,9% dei giudizi indicano una stabilità.

Si è evidenziato che le principali cause di cessazione del mandato all’agenzia sono legate alla distanza tra i prezzi richiesti delle abitazioni e quelli che invece vengono offerti dai potenziali acquirenti. La percentuale dei proprietari che ritengono che le proposte di acquisto hanno prezzi troppo bassi è scesa al 55,3%, rispetto al 68,8% del trimestre precedente. Di contro i potenziali acquirenti che ritengono che il prezzo richiesto sia troppo alto è rimasta invariata, il 52,7%.
Stazionaria su livelli bassi del 21,7% la quota di agenzia che imputano la decadenza dell’incarico alla difficoltà da parte degli acquirenti di ottenere un mutuo.

Le risposte su trattative e tempi di vendita hanno evidenziato che il margine medio di sconto sui prezzi di vendita richiesti dai venditori ha subito una diminuzione passando dal 14,5% al 13%. Anche il tempo medio tra l’affidamento del mandato all’agenzia e la vendita dell’appartamento è sceso da 9,4 a 8,9 mesi. I tempi medi di vendita degli immobili sono inferiori di due mesi nelle aree urbane rispetto alle altre zone d’Italia.

Le locazioni sono rimaste sostanzialmente invariate: la quota di agenzie che ha dichiarato di aver locato almeno un immobile nel periodo di riferimento è del 77,9%. Gli operatori che attendono canoni di locazioni invariati sono l’86,1%, in leggero aumento rispetto al trimestre precedente. Il margine di sconto sul canone rispetto alla richiesta iniziale del locatore è sceso dal 6,9 al 5,8%.

Sulle modalità di finanziamento degli acquisti, l’80,2% viene effettuato con mutuo ipotecario, una crescita rispetto al 77,1% del periodo precedente. Eccezione per il Mezzogiorno dove il dato è stabile al 71,9%. In aumento anche il rapporto fra ammontare del prestito e valore dell’immobile, che è passato dal 73,1% del trimestre precedente al 74,7%.

Le opportunità di avere un mutuo con condizioni favorevoli e che vada incontro alle necessità del richiedente sono molte e su MutuiOnline.it  si possono avere in tempo reale preventivi da parte di oltre 65 banche, fra cui è possibile trovare il migliore per le proprie esigenze e dei tassi scontati. Se dovessero esserci ancora dubbi, al numero verde è possibile avere una consulenza gratuita.

A cura di Orsola Mallozzi
Come valuti questa notizia?
Il mercato delle abitazioni in Italia Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Segnala via email Stampa
Oppure clicca qui per essere richiamato
RICERCA MUTUO
Comune di domicilio
Comune dell'immobile