Logo MutuiOnline
Altri marchi del Gruppo

Più italiani in affitto con i canoni in calo

24/06/2016 in “MutuiOnline informa

Più italiani in affitto con i canoni in calo

Colpa della crisi, che ha impedito a molte famiglie di acquistare e di una nuova cultura che fa perdere posizioni preziose alla casa di proprietà, il mercato delle locazioni ha continuato ad evolversi negli ultimi cinque anni, assistendo a una forte diminuzione dei canoni su buona parte del territorio nazionale.

A rilevarlo è un’indagine della società di studi economici Nomisma che ha messo a confronto i prezzi degli affitti registrati tra il 2010 e il 2015, reilevando una riduzione fino al 30% nei capoluoghi della penisola.

I ribassi più consistenti hanno interessato Venezia (-34% di calo medio), Cuneo (-30,6%), Pescara (-18,1%), Milano (-17,5%) e Bologna (-17,2%). Nella graduatoria dei risultati con segno meno si trovano la maggior parte delle grandi città: Napoli (-14%), Torino (-13,1%), Palermo (-12,7%), Firenze (-11,4%), Roma (-10,4%) e Genova (-9,9%).

Risultati in controtendenza si segnalano solo in un numero limitato di centri di piccole e medie dimensioni. Gli aumenti non superano il 3,5%, a eccezione del 5,7% rilevato a Forlì, seguita dal  +3,3% di Brindisi, dal +2,7% di Benevento, +2,1% di Rovigo e +1,9% di Crotone.

Sui canoni di affitto ha influito negli ultimi anni un fattore fondamentale, quello della crisi economica che ha diminuito la capacità reddituale delle famiglie. Il numero di utenti che si è rivolto al mercato delle locazioni, anche per via delle difficoltà a ottenere un mutuo, è cresciuto notevolmente negli ultimi anni. A confermarlo sono i contratti registrati ogni anno all'Agenzia delle Entrate, passati tra il 2011 e il 2015 da 1,4 a 1,6 milioni.

Le formule contrattuali scelte da locatori e inquilini sono state messe in luce proprio dall’Agenzia delle Entrate tramite il Rapporto immobiliare residenziale 2016, un’analisi che ha riguardato 821 mila abitazioni locate per le quali è stato possibile incrociare i dati reddituali e catastali.

Sul territorio nazionale i contratti liberi coprono il 60% del mercato, quelli concordati rappresentano il 20,2% del totale. Il resto si divide tra 15,8% dei contratti transitori e il 2,2% di quelli per studenti.

L’indagine mette anche in evidenza le tipologie di affitto adottate nelle otto città principali del nostro Paese. I dati dicono che nel 2015 sono stati stipulati 97 mila contratti liberi e 45 mila concordati, che si differenziano dai primi non solo per la durata (3 anni più 2 di proroga invece dei 4+4) ma anche per le condizioni, che prevedono il rispetto di appositi accordi definiti in sede locale fra le organizzazioni rappresentative della proprietà edilizia e dei locatari. Le due formule raggiungono gli stessi numeri a Torino, Firenze e Roma, mentre a Genova si registra il sorpasso di quelli a prezzi calmierati (o concordati), 5.735 contro i 2.688 dei contratti liberi.

“La convenienza degli affitti concordati”, spiega Giorgio Spaziani Testa, presidente di Confedilizia, “varia in base alle zone, tra una città e l’altra e anche nella stessa città, secondo il contenuto degli accordi locali. Ha avuto un effetto positivo la cedolare secca al 10%, per ora prevista fino al 2017, e da quest’anno si farà sentire la riduzione Imu-Tasi del 25%, che però potrebbe essere potenziata o sostituita da un’aliquota massima prevista su base statale”.

Chiunque voglia acquistare una casa, accendendo un mutuo, su MutuiOnline può trovare la soluzione più vantaggiosa, confrontando le offerte di 65 istituti di credito, in tempi brevissimi!

A cura di Paola Campanelli
Come valuti questa notizia?
Più italiani in affitto con i canoni in calo Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Segnala via email Stampa
Oppure clicca qui per essere richiamato
RICERCA MUTUO
Comune di domicilio
Comune dell'immobile