Logo MutuiOnline
Altri marchi del Gruppo
CONFRONTA I MUTUI SURROGA IL MUTUO ACQUISTA ALL’ASTA ASSICURA IL MUTUO OFFERTE E NOVITÀ GUIDE E STRUMENTI

Immobiliare, anche l’Istat conferma la svolta

7/05/2016 in “MutuiOnline informa

Il boom del settore immobiliare trova testimonianza anche nei dati che arrivano dall’Istat, con il 2015 che conferma la crescita per il secondo anno consecutivo, invertendo il trend negativo cominciato nel lontano 2006.

L’Istituto rende noto che i trasferimenti a titolo oneroso di unità immobiliari (625.305 in tutto) hanno fatto segnare un +5,2% sul 2014, con le grandi città che registrano un aumento in media del 5,6% mentre i piccoli centri si fermano a un +4,8%.

Le convenzioni di compravendita di unità immobiliari ad uso abitazione ed accessori sono state 584.822, con conseguente aumento del 5,7%, mentre quelle a uso economico chiudono il 2015 con un calo dell’1,3%, per un totale di 36.891 trasferimenti, risultando in crescita soltanto al Centro (+1,9%) e nelle Isole (+1,5%).

Relativamente agli ultimi tre mesi dell’anno si nota che la crescita delle convenzioni notarili è stata del 9,1%, attestandosi a 183.786 transazioni, un dato che fornisce un ulteriore contributo alla ripresa già registrata nel secondo e nel terzo trimestre. Sempre nello stesso periodo i trasferimenti di proprietà hanno riguardato per il 93,3% immobili a uso abitativo, +10% rispetto ai tre mesi precedenti e nel 6,1% immobili a uso economico, che fanno segnare invece un decremento del 2,5%; solo lo 0,6% ha riguardato unità a uso speciale e multiproprietà.

Dal punto di vista delle macroaree territoriali, le convenzioni rogate tra ottobre e dicembre 2015 sono aumentate soprattutto nelle Isole (+10,1%), nel Nord-Ovest (+10,0%) e nel Nord-Est (+9,6%), mentre risultano più contenuti i risultati del Centro (+8,7%) e del Sud (+6,7%). 

Il 2015 è stato un anno di svolta anche per il settore dei mutui, dei finanziamenti e altre obbligazioni con costituzione di ipoteca immobiliare stipulati con banche o altri intermediari finanziari, con una variazione positiva del 23% sul 2014 e un numero di convenzioni pari a 342.467. L’aumento è stato costante in tutti e quattro i trimestri, anche se la crescita più marcata si è avuta proprio nell’ultimo periodo ottobre-dicembre, con un +29,8%.

I risultati più significativi sono stati rilevati nella parte meridionale d’Italia (+29,9%) e nelle Isole (+25,7%), con il Nord-ovest (+22,5%), il Centro (21,1%) e il Nord-est (+20,9%) che si attestano poco sotto la media nazionale. 

La ripresa del mercato immobiliare è ufficiale anche nei primi mesi del 2016, così come riportato dal Bollettino sulla stabilità finanziaria di Bankitalia nel quale si evidenzia l’interruzione della flessione dei prezzi delle case e il graduale aumento del numero di compravendite.

L’indagine sottolinea anche che “le condizioni di offerta del credito bancario, in progressiva distensione, restano improntate a prudenza. L’aumento dei prestiti è limitato alle fasce di clientela di migliore qualità, quali le famiglie e le imprese in condizioni finanziarie solide, specialmente quelle grandi, mentre continuano a ridursi i prestiti alle piccole aziende”.

Chi volesse accedere al mercato del credito per acquistare casa può richiedere un preventivo su Mutuionline.it, il portale più consultato per confrontare le proposte di finanziamento dei principali istituti di credito.

Il miglior mutuo a tasso variabile, al 7 maggio, per un cliente tipo – impiegato milanese 35enne con reddito di 2.600 euro mensili, richiesta di finanziamento venticinquennale di 135 mila euro, valore dell’immobile 180.000 euro – è quello offerto da BancadinAmica che permette di pagare 527,01 euro mensili al tasso dell’1,30% (TAEG 1,39%): le spese di istruttoria sono pari a 675 euro e quelle della perizia a 275 euro. Per l’erogazione del mutuo è necessario essere titolari di un Conto BancadinAmica di pari intestazione.

Il miglior mutuo a tasso fisso, sempre con gli stessi parametri di ricerca, è quello offerto da Webank con il TAN a 2,72% e il TAEG a 2,77%; non sono previste spese di istruttoria e di perizia.

Anche per coloro che hanno già un mutuo in essere, è possibile effettuare, su MutuiOnline.it, un preventivo di surroga, cambiando le proprie condizioni iniziali e risparmiando sulle restanti rate da pagare.

A cura di Paola Campanelli
Come valuti questa notizia?
Immobiliare, anche l’Istat conferma la svolta Valutazione: 1/5
(basata su 1 voti)
Segnala via email Stampa
Oppure clicca qui per essere richiamato
RICERCA MUTUO
Finalità mutuo

Tasso
Valore immobile

Importo e durata mutuo
anni
Età richiedente
anni
Posizione lavorativa

Reddito
 € netti mese
Domicilio richiedente

Provincia immobile

Stato ricerca immobile