Logo MutuiOnline
Altri marchi del Gruppo

Mercato immobiliare: cresce il comparto commerciale

2/02/2015 in “MutuiOnline informa

Mercato immobiliare: cresce il comparto commerciale

Quello appena trascorso è stato un anno contrastato per il mercato immobiliare, segnato da andamenti irregolari che, nonostante tutto, manifestavano la volontà di una ripresa necessaria dopo anni di ristagno assoluto.

I dati Istat dell’ultimo rapporto sulle compravendite e sui mutui lo dicono in maniera chiara: dopo 6 mesi di arresto, il terzo trimestre ha fatto registrare una ripresa del volume delle compravendite, segnando un +3,7% su base annua rispetto al 2013. +0,4% è il dato complessivo relativo ai primi nove mesi rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

I risultati positivi riguardano tutta la Penisola, con in testa il Centro che ha segnato +5,2%, il Nord-Est +4,5% e le Isole +3,9%.

La ripresa è stata possibile anche grazie a un rinnovato atteggiamento delle banche nel concedere i finanziamenti: nei capoluoghi maggiori specialmente, i mutui erogati hanno subito un aumento del 16,1% sul terzo trimestre del 2014 rispetto all’anno precedente, contro un +12,4% dei centri più piccoli. Nei primi nove mesi dell’anno, la crescita è pari al 7,8%, per un totale di 201.079 atti di compravendita stipulati: buona parte di questi sono state surroghe, il trasferimento del finanziamento a una nuova banca con condizioni più vantaggiose.

I risultati positivi si ripartiscono in maniera abbastanza equa nel volume delle compravendite tra il comparto residenziale e quello business e commerciale: +3,7% come visto sopra, contro +4,8% nel terzo trimestre; e nonostante le abitazioni abbiano coperto ben il 93,4% delle transazioni complessive, registrano ancora una crescita rallentata rispetto a quelle del non residenziale.

Riguardo a quest’ultimo, il nuovo anno sembra confermare l’andamento del precedente, con prezzi di acquisto e affitti in calo.

Un report di Tecnocasa intercetta una tendenza che è diventata ormai chiara: i proprietari di uffici e spazi non residenziali dimostrano una crescente disponibilità a trattare. Il peso del fisco si è infatti spesso tradotto in comportamenti morosi e questo ha indotto ad aprirsi a una maggiore flessibilità.

L’esigenza di risparmiare si traduce con la richiesta di spazi più piccoli e in posizioni anche decentrate: un esempio è quello delle grandi aziende, che trasferiscono i loro uffici in centri direzionali nell’hinterland delle città, vicino a fermate di bus e metropolitane e a parcheggi funzionali.

Milano costituisce la rappresentanza più significativa di questo fenomeno, con una periferia in espansione e interi spazi ripensati secondo logiche urbane contemporanee. Il centro rimane ancora ambito per gli esercizi commerciali legati al food e per gli uffici di rappresentanza.

A cura di Paola Campanelli
Come valuti questa notizia?
Mercato immobiliare: cresce il comparto commerciale Valutazione: 1/5
(basata su 1 voti)
Segnala via email Stampa
ARTICOLI CORRELATI:
Condhotel: cosa sono e come funzionano pubblicato il 11 giugno 2018
Adesso ci vuole meno tempo per vendere casa pubblicato il 24 aprile 2019
La seconda casa diventa il migliore investimento pubblicato il 10 giugno 2019
In tutta Italia riparte il mercato degli affitti pubblicato il 28 maggio 2019
Casa vacanze, il più ricercato è il trilocale pubblicato il 4 aprile 2019
Oppure clicca qui per essere richiamato
RICERCA MUTUO
Comune di domicilio
Comune dell'immobile