Altri marchi del Gruppo:
Trovaprezzi
Prestitionline.it
Segugio.it
Chiama gratis 800 99 99 95 Chiama gratis 800 99 99 95

Il mercato dei mutui, un trend in crescita

La domanda di mutui da parte delle famiglie è in crescita da circa un anno. La Banca Centrale Europea sta operando per sostenere l’erogazione del credito. Il settore del credito è condizionato dalla stabilità politico-economica in Italia e in Europa, pertanto saranno determinanti le iniziative a supporto della crescita economica - soprattutto del settore immobiliare - e dell’andamento del mercato del lavoro.

Gli istituti di credito prestano grande attenzione al rischio di credito e i clienti devono dimostrare una buona capacità di risparmio e una situazione economica stabile.

In questo contesto risulta significativa l’analisi del prodotto elaborata dall’Ufficio Studi Gruppo Tecnocasa, sui primi sei mesi del 2014.
I mutui ipotecari vengono erogati per vari motivi:
Acquisto: finanziamento acceso allo scopo di acquistare un immobile, con la specifica se di
prima o di seconda casa.
Sostituzione e surroga: è la richiesta di un altro mutuo per migliorare le condizioni economiche del primo o per ottenere altro denaro.
Costruzione e ristrutturazione: finanziamenti richiesti per provvedere alla costruzione della propria abitazione o all’acquisto della casa e alla sua successiva ristrutturazione.
Liquidità: finanziamento concesso per motivazioni diverse dall’acquisto dell’abitazione, a fronte di garanzie patrimoniali.
Altro: categoria che include tutte le finalità non rientranti nelle tipologie precedenti.

L’acquisto della prima casa è il motivo principale per cui si sottoscrive un mutuo e rappresenta più dell’80% del totale delle richieste, mentre chi vi fa ricorso per comprare una seconda casa incide solo per il 2,6%.

Gli istituti di credito erogano diversi prodotti ipotecari a:
Tasso variabile: prevede una rata collegata ad un tasso di riferimento (solitamente
l’Euribor o il tasso BCE) e ogni variazione positiva o negativa di tale tasso si traduce in un aumento o in una diminuzione della rata.
Tasso variabile con CAP: ha le stesse caratteristiche del tasso variabile puro, ma con l’opzione di un tetto massimo (definito in fase di stipula del contratto) che il tasso non può superare.
Tasso fisso: la rata non varia durante l’operazione in quanto il tasso applicato è definito alla stipula del contratto.
Tasso misto: offre la possibilità di passare da una rata a tasso fisso ad una a tasso variabile, o viceversa, a scadenze predefinite al momento della stipula del contratto.
Rata costante: mutuo a tasso variabile con rata costante, in cui le variazioni del tasso di riferimento determinano la durata del rimborso del mutuo.

I tassi hanno raggiunto valori storicamente minimi e un costo del prodotto (spread) medio più contenuto rispetto al passato. In questo contesto, poco più del 43% dei mutuatari ha scelto un tasso variabile puro, approfittando della convenienza delle rate, ma assumendosi il rischio di un futuro aumento dei tassi. Più di ¼ dei mutuatari ha optato per una programmazione certa e sicura, scegliendo la stabilità del tasso fisso nonostante un costo mediamente superiore al tasso variabile.
L’opzione del tasso fisso, l’anno scorso rappresentava il 15,5%, oggi è al 27,6%. La sicurezza di conoscere in anticipo l’ammontare del proprio rimborso è tenuta sempre più in considerazione.

A livello nazionale la durata media del mutuo è stata di poco superiore a 24 anni, risulta che più di 2 mutui su 3 hanno una durata compresa tra 21 e 30 anni; il 30%, invece, si colloca fra 10-20 anni. Nelle regioni meridionali e insulari si sottoscrivono mutui di durata leggermente più bassa rispetto a quelle del nord Italia.

Nel primo semestre 2014 l’importo medio di mutuo erogato sul territorio nazionale è stato pari a circa 108.900 €. Il mutuo è risultato più elevato nell’Italia centrale, con un valore medio pari a 115.000 €. Il 41,2% dei mutui erogati ha un importo compreso tra 50 e 100.000 €, mentre il 39,5% si colloca nella fascia successiva (100-150.000 €). Circa il 15% dei mutuatari, invece, ha ottenuto un finanziamento superiore a 150.000 €.

A cura di: Orsola Mallozzi

Parole chiave

mutuo tasso fisso tasso variabile acquisto

Articoli correlati