Altri marchi del Gruppo:
Trovaprezzi
Prestitionline.it
Segugio.it
Chiama gratis 800 99 99 95 Chiama gratis 800 99 99 95

Anche a marzo vince il variabile

Aggiornato il 15/07/2014

Per molti il momento dell’acquisto della propria casa rappresenta non solo il coronamento di un sogno, ma anche l’avvio di una serie di interrogativi. Primo tra tutti il mutuo: la scelta tra tasso fisso e variabile rappresenta una delle incognite principali per chi vuole diventare proprietario di un’abitazione.

Il segnale positivo è che oggi il mercato immobiliare sembra dare cenni di ripresa e, di conseguenza, gli istituti bancari propongono prodotti sempre più concorrenziali. Il cavallo di battaglia sembrerebbe essere il mutuo a tasso variabile. Il motivo è semplice: il mutuo variabile è “agganciato” a tassi Euribor molto bassi e gli istituti di credito stanno adottando una politica di abbassamento dei loro spread, al fine di migliorare le offerte, raggiungendo anche i 2,50-2,60 punti.

Nel mese di marzo segnaliamo che tra le migliori offerte di mutuo a tasso variabile spicca quello di  Webank (spread 2,60%, taeg 2,96%), seguito da Iwbank 82,70, taeg 3,00); Bnl (2,60%, taeg 3,02); quello di Intesa San Paolo (spread 2,50%, taeg 3,03%) e di Unicredit (spread 2,50%, taeg 3,03%).
La classifica è stata stilata prendendo come dato di riferimento un mutuo del valore di 120.000 euro, della durata di 20 anni.

Se il finanziamento richiesto copre al massimo il 50% del valore dell’immobile, il mutuo più vantaggioso resta l’edizione speciale del Mutuo Valore Italia di Unicredit. Un’offerta a tasso variabile, valida fino a maggio, che prevede uno spread 2,25%: proposta pressochè imbattibile nel mercato dei prodotti mutuo odierni. La banca ha specificato che, qualora l’importo di mutuo richiesto fosse superiore, gli spread verranno stabiliti sulla base dei requisiti della clientela in termini di affidabilità creditizia richiesta.
Dopo i primi 24 mesi dal momento dell’erogazione, il cliente avrà facoltà di richiedere lo switch, che comporta la variazione del tasso del mutuo da variabile a fisso per una durata di 2 o 5 anni.

Se vuoi conoscere le migliori offerte sul mercato, seguici su MutuiOnline.it: ogni giorno potrai consultare i nostri comparatori e conoscere le proposte per finanziare l'acquisto della tua casa.

A cura di: Alessia De Falco

Confronta i mutui delle migliori banche

Fai un preventivo e risparmia

Parole chiave

tasso variabile tasso fisso mutuo taeg

Articoli correlati