Logo MutuiOnline
Altri marchi del Gruppo
CONFRONTA I MUTUI SURROGA IL MUTUO ACQUISTA ALL’ASTA ASSICURA IL MUTUO OFFERTE E NOVITÀ GUIDE E STRUMENTI

La permuta immobiliare: quando conviene?

28/02/2013 in “Analisi mercato mutui

Le difficoltà economiche che si protraggono ormai da diverso tempo hanno spinto le persone a ricercare forme di scambio che oggi, grazie allo sviluppo massiccio di Internet e dei social network, si affermano come fenomeni in netta crescita.

Tra questi c’è anche la permuta, ovvero lo scambio di oggetti tra due persone, che può riguardare anche gli immobili: ciò avviene quando  due proprietari si cambiano la casa e questo può portare diversi vantaggi, sia da un punto di vista economico che fiscale. La permuta immobiliare, infatti, in primo luogo mette al riparo i due venditori dai possibili rischi che corre chi deve lasciare la “vecchia” casa per comprarne una nuova: se l’atto di vendita e il successivo atto di acquisto non vengono effettuati nei tempi previsti, oltre allo stress derivato dal rincorrere le scadenze, potrebbe venir compromessa la buona riuscita della compravendita stessa. Quindi, se si ha fretta di vendere la propria casa, la permuta è sicuramente una soluzione per non perdere tempo nel trovare il compratore per la propra casa ed evitare così rischi indesiderati.

Inoltre, la permuta comporta vantaggi fiscali relativi al fatto che per il Codice Civile necessita un solo contratto che ha per oggetto il reciproco trasferimento: quindi, nonostante i beni scambiati siano più d’uno, il negozio giuridico è unico e di conseguenza l’applicazione delle imposte non avviene sulle due compravendite ma su una sola operazione, la permuta appunto. Per di più, in base a quanto stabilito sempre dal Codice Civile, “salvo patto contrario, le spese della permuta e le altre accessorie sono a carico di entrambi i contraenti in parti uguali”.

Ovviamente la permuta può avvenire anche contestualmente all’accensione di un mutuo da parte di uno dei due contraenti, ed esempio nel caso in cui i due immobili scambiati abbiano diverso valore. In questo caso è possibile che l’acquirente dell’immobile più costoso richieda un mutuo per finanziare la differenza di valore.  

Invece, nel caso sia già presente un mutuo su uno dei due immobili, il nuovo proprietario può decidere se tenerlo (effettuando un accollo del mutuo) oppure cambiarlo, affrontando però le spese dovute all’accensione di un nuovo mutuo.

Come valuti questa notizia?
La permuta immobiliare: quando conviene? Valutazione: 4/5
(basata su 8 voti)
Segnala via email Stampa
ARTICOLI CORRELATI:
Cambio rata del mutuo: come richiederlo pubblicato il 13 novembre 2017
Gli immobili ai tempi della crisi: meno 40 per cento in dieci anni pubblicato il 10 dicembre 2017
Mutui liquidità: quando convengono pubblicato il 31 luglio 2017
Immobili di pregio, trend positivo anche per il 2017 pubblicato il 8 novembre 2017
Mercato immobiliare: il trend del 2017 pubblicato il 2 ottobre 2017
Oppure clicca qui per essere richiamato
RICERCA MUTUO
Finalità mutuo

Tasso
Valore immobile

Importo e durata mutuo
anni
Età richiedente
anni
Posizione lavorativa

Reddito
 € netti mese
Domicilio richiedente

Provincia immobile

Stato ricerca immobile