Mutuo variabile rata costante

E' un finanziamento a tasso variabile in cui l'importo delle rate mensili è fisso mentre la scadenza cambia a seconda dei tassi di interesse e del loro rialzo o ribasso.

Il mutuo variabile a rata costante è la via di mezzo tra il mutuo a tasso fisso (in quanto si ha la certezza dell'importo della rata) e il mutuo a tasso variabile (perché il tasso si adegua alle oscillazioni di mercato).

Questa tipologia di mutuo è anche nota come mutuo con ammortamento a durata variabile. La scadenza del finanziamento dipende, infatti, dal rialzo o dal ribasso del tasso base a cui è collegato il mutuo. La sua durata, dunque, diminuisce o aumenta a seconda di tali fluttuazioni. L'importo della rata resta invece costante e viene stabilito all'atto della stipula del finanziamento.

Si mette la parola fine al mutuo quando il debitore ha rimborsato l'intera quota capitale. Non si conosce, però, con esattezza la durata del mutuo casa perché la scadenza è collegata alle variazioni dei tassi di riferimento.

Il mutuo variabile rata costante non va confuso con il mutuo a tasso variabile. Quest'ultimo finanziamento prevede che il tasso di interesse sia subordinato alle variazioni di un indice finanziario di riferimento, che è solitamente l'Euribor. A seconda delle oscillazioni del mercato, dunque, cambia l'importo della rata del mutuo. Il mutuatario che sottoscrive questo finanziamento è consapevole che l'ammontare della rata sarà dipendente dalle fluttuazioni del mercato.

Il mutuo variabile rata costante va anche distinto dal mutuo a tasso fisso: quest'ultimo finanziamento, concesso da una banca o da una società finanziaria, prevede un tasso di interesse costante per tutta la durata del mutuo. L'importo della rata non varia ed è noto al mutuatario dal momento in cui sottoscrive il contratto. Il soggetto sarà a conoscenza dell'importo da rimborsare e del costo della singola rata del mutuo, comprensiva di capitale ed interessi.

Torna al glossario

RICERCA MUTUO
Comune di domicilio
Comune dell'immobile