Apertura di Credito

L'apertura di credito è il contratto con cui una banca si obbliga a tenere a disposizione di un soggetto una somma di denaro per un periodo di tempo determinato o anche a tempo indeterminato. Nota anche come fido o affidamento, prevede la restituzione delle somme accreditate con in più il pagamento di un interesse

La persona che beneficia del credito, che è detta “accreditato”, può usare il denaro così messo a disposizione come vuole, prelevando le somme che desidera dalla banca stessa e poi ripristinando la riserva di denaro con dei versamenti. 

L'apertura di credito è disciplinata dagli articoli 1842 e successivi del codice civile, che danno la facoltà alla banca di richiedere una garanzia reale o una garanzia personale sul credito. In caso la garanzia divenga insufficiente, la banca può chiedere che quest'ultima sia integrata da un supplemento o che sia modificato il garante, oppure può diminuire l'ammontare del credito concesso. 

Vale la pena ora spiegare cosa si intende per garanzia reale e garanzia personale: 

  • Una garanzia reale è un diritto su cose altrui posto a garanzia di un credito, come ad esempio il pegno, l'ipoteca o i privilegi. 
  • Una garanzia personale è un garante, dotato di un capitale che la banca reputa sufficiente a garantire per il credito di un'altra persona. 

L'apertura di credito può essere di quattro tipi: 

  • Garantita, che è la tipologia in cui la banca richiede una garanzia reale o personale del credito. 
  • Semplice: in cui il credito può essere utilizzato una sola volta. 
  • Allo scoperto: in cui non ci sono garanzie, se non il patrimonio dell'accreditato. 
  • In conto corrente: in cui l'accreditato può usare più di una volta la somma ricevuta in credito, versando del denaro tra un prelievo e l'altro per ripristinare la somma iniziale.

Torna al glossario

RICERCA MUTUO
Comune di domicilio
Comune dell'immobile