Logo MutuiOnline
Altri marchi del Gruppo
CONFRONTA I MUTUI SURROGA IL MUTUO ACQUISTA ALL’ASTA ASSICURA IL MUTUO OFFERTE E NOVITÀ GUIDE E STRUMENTI

BCE, Draghi sceglie la tattica del 'wait and see'

28/07/2016 in “MutuiOnline informa

Nessuna fretta, bisogna attendere che la situazione si stabilizzi. Questo in estrema sintesi quanto dichiarato dal governatore della Banca Centrale Europea, Mario Draghi, nella prima riunione della BCE post Brexit. Proprio qualche giorno fa vi abbiamo parlato di come il risultato del referendum abbia avuto effetti sui tassi fissi.

Dopo il voto che ha sancito l'uscita del Regno Unito dall'Unione Europa "noi pensiamo che i mercati abbiano reagito con forza", ha spiegato il presidente dell'Eurotower parlando nella consueta conferenza stampa seguita alla decisione di politica monetaria di lasciare invariato il costo del denaro, ma bisogna attendere ancora per verificare quali saranno gli effetti nel medio-lungo termine. Confermate anche le misure non convenzionali di politica monetaria, che prevedono acquisti mensili di attività per 80 miliardi di euro sino alla fine di marzo 2017, o anche oltre se necessario.

La tattica del wait and see è stata adottata anche dalla Bank of England (BoE), che nell'ultima riunione ha deciso di lasciare la situazione inalterata, almeno per il momento.  

In molti avevano messo in guardia riguardo all’impatto della Brexit sull’economia globale e del Regno Unito, ma questa visione si è probabilmente rivelata troppo pessimistica. Se da un lato la Brexit produrrà certamente un rallentamento e una recessione nel Regno Unito, altrove l’impatto non sarà lo stesso, spiega Larry Hatheway, capo economista di GAM. L’economia statunitense, dell’Europa continentale, del Giappone e anche quella delle principali economie emergenti si sono mostrate resistenti negli ultimi anni nei confronti di altre turbolenze geopolitiche e ribassi del mercato. In particolare, l’abilità delle economie avanzate di resistere agli shock è dovuta a una crescita meno dipendente dal credito, a minori sbilanciamenti economici e così come ai bassi prezzi del petrolio e ai bassi tassi d’inflazione. Sebbene siano “a crescita lenta”, queste economie appaiono anche più resistenti agli shock, almeno per quanto riguarda le turbolenze nazionali o regionali.

Di conseguenza, l’unica Banca centrale che risponderà alla Brexit sarà la BoE, che potrebbe decidere un taglio di 25 punti base dei tassi d’interesse durante la riunione di agosto. 

Tra le altre principali banche centrali mondiali la Federal Reserve è al momento in una fase di stallo, ma probabilmente non durerà così a lungo quanto i mercati si aspettano. La normalizzazione dei tassi d’interesse è in arrivo: se non alla fine di quest’anno, all’inizio del prossimo, dichiara Hatheway. Infine, è probabile che la Bank of Japan allenti ulteriormente la sua politica monetaria in concerto con uno stimolo fiscale, ma queste manovre hanno poco a che fare con la Brexit.

Per quanto riguarda la Banca Centrale Europea con molta probabilità non ci saranno cambiamenti sui tassi mentre per qualsiasi mossa sulle misure non convenzionali si dovrà attendere settembre, quando la situazione si sarà stabilizzata. "I tassi resteranno bassi fino a marzo 2017 e oltre", ha dichiarato Draghi ribadendo ancora una volta a gran voce che la "BCE agirà con tutti gli strumenti a sua disposizione" per sostenere l'economia dell'Unione Europea e per riportare l'inflazione vicina al target del 2%, obiettivo che al momento appare lontanissimo. Il Governatore Draghi ha ricordato che la BCE non può fare tutto da sola, ponendo nuovamente l'accento sulle riforme strutturali da parte degli Stati, per creare occupazione e incrementare produttività.

Tornando alle ripercussioni sull'Italia, con i tassi così bassi, è un vero peccato non pensare di accendere un mutuo se si ha necessità di acquistare una casa; su MutuiOnline.it è possibile trovare le migliori offerte di finanziamento sul mercato, oltre alla consulenza "step by step" di veri esperti del settore.

A cura di Cristina Fortarezzo
Come valuti questa notizia?
BCE, Draghi sceglie la tattica del 'wait and see' Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Segnala via email Stampa
Oppure clicca qui per essere richiamato
RICERCA MUTUO
Finalità mutuo

Tasso
Valore immobile

Importo e durata mutuo
anni
Età richiedente
anni
Posizione lavorativa

Reddito
 € netti mese
Domicilio richiedente

Provincia immobile

Stato ricerca immobile