Logo MutuiOnline
Altri marchi del Gruppo
CONFRONTA I MUTUI SURROGA IL MUTUO ACQUISTA ALL’ASTA ASSICURA IL MUTUO OFFERTE E NOVITÀ GUIDE E STRUMENTI

Miglior Mutuo, le proposte top dell’Istituto Tedesco di Qualità e Finanza

23/05/2016 in “MutuiOnline informa

L’attuale periodo favorevole del mercato del credito ha fatto crescere le richieste di mutuo che dal 2015 registrano un trend in continua crescita, come avevamo già scritto nel nostro articolo sulla situazione del settore dopo i primi tre mesi del 2016. Un aiuto per valutare le differenti tipologie di prestito per la casa arriva dall’indagine periodica condotta dall’Istituto Tedesco Qualità e Finanza, in collaborazione con il Corriere Economia, che ha messo a confronto i tassi effettivi fissi e variabili di quattro diversi finanziamenti.

Questi variano in base all’apporto di contante che il mutuatario può investire, e conseguentemente alla percentuale di loan to value, il rapporto tra cifra richiesta e valore dell’immobile dato in garanzia (per fare chiarezza su questo parametro, vi invitiamo a leggere l'articolo pubblicato su MutuiOnline qualche settimana fa dal titolo "Loan to value: con le nuove direttive potrebbe superare l'80%") all’attività lavorativa e al reddito del richiedente, oltre che alla città di ubicazione dell’immobile.

I dati di questa indagine sono stati raccolti tramite il comparatore MutuiOnline, il sito che permette di confrontare le offerte di 64 istituti di credito.

La prima simulazione con i due tassi, fisso e variabile, riguarda l’acquisto di una prima casa a Roma del valore di 235 mila euro finanziato con un prestito ventennale di 141 mila euro: la domanda arriva da un impiegato statale quarantenne con un reddito familiare netto di 2.800 euro mensili. Tra le banche tradizionali le condizioni migliori a tasso fisso sono proposte da Che Banca! e Cariparma. Tra gli istituti online il primo posto spetta alla pari a IWBank e Webank. La rata mensile più bassa per il fisso è di 736 euro, mentre il variabile più conveniente si attesta sui 658 euro, una differenza che si tradurrebbe alla fine dei 240 mesi in un risparmio per il tasso variabile di 18.720 euro.

La seconda figura considerata è quella del giovane dipendente di banca 28enne con uno stipendio di 1.700 euro al mese che domanda un finanziamento trentennale di 80 mila euro per un immobile del valore di 100 mila euro ubicato a Napoli. Il mutuo può essere considerato al limite della soglia di concessione, visto il loan to value dell’80%, ma il mutuatario potrebbe sfruttare la propria posizione lavorativa per soddisfare determinate garanzie che la banca richiede.

Tra i prestiti più convenienti a tasso fisso si distingue quello offerto dal Banco Popolare e da Ing Direct mentre i migliori per l’indicizzato risultano essere Ubi Bank e Webank. La quota mensile più economica per il primo tasso è di 388 euro, per il variabile 347 euro: la differenza di 41 euro tra i due finanziamenti porta il divario economico alla fine dei trent’anni a 14.760 euro.

L’ultima richiesta di mutuo per l’acquisto di una prima casa è quella simulata nella città di Milano da parte di un lavoratore autonomo con partita Iva di trentacinque anni e con un reddito di 3.000 euro al mese. In questo caso l’immobile da finanziare tramite un mutuo venticinquennale di 170 mila euro ha un valore di 245 mila euro. Le condizioni più convenienti per entrambi i tassi da parte delle banche tradizionali arrivano da Ubi Banca, per quelle operanti tramite il web Ing Direct (tasso fisso) e Webank (variabile). La rata minore a tasso fisso è di 737 euro, quella variabile di 662 euro.

Infine l’indagine dell’Istituto analizza una domanda di surroga per un alloggio collocato a Roma del valore di 240 mila euro e per il quale si chiedono 120 mila euro da restituire in vent’anni. Il mutuatario – uno statale con un reddito di 2.400 euro al mese – richiede dunque un finanziamento con loan to value del 50% che non avrà problemi ad ottenere se le precedenti rate sono state regolarmente pagate. Tra gli intermediari tradizionali prevale ancora una volta l’offerta di Cariparma per entrambi i tassi, mentre per quelle online si distinguono CheBanca! per il fisso e Hello Bank! per il variabile. La rata più economica è di 548 euro erogata per l’indicizzato e 611 euro per il fisso.

Anche nel caso in cui steste pensando di cambiare le condizioni del vostro mutuo, per ottenerne di più vantaggiose, su MutuiOnline.it è possibile trovare la migliore soluzione di surroga tra quelle degli istituti di credito confrontati. 

A cura di Paola Campanelli
Come valuti questa notizia?
Miglior Mutuo, le proposte top dell’Istituto Tedesco di Qualità e Finanza Valutazione: 5/5
(basata su 1 voti)
Segnala via email Stampa
ARTICOLI CORRELATI:
Pagamento in ritardo della rata del mutuo: cosa succede? pubblicato il 13 ottobre 2017
I mutui più convenienti di giugno pubblicato il 12 giugno 2017
Migliori Offerte di Mutuo – Ottobre 2017 pubblicato il 18 ottobre 2017
Come richiedere un mutuo senza busta paga? pubblicato il 20 ottobre 2017
I mutui surroga più convenienti di ottobre pubblicato il 16 ottobre 2017
Oppure clicca qui per essere richiamato
RICERCA MUTUO
Finalità mutuo

Tasso
Valore immobile

Importo e durata mutuo
anni
Età richiedente
anni
Posizione lavorativa

Reddito
 € netti mese
Domicilio richiedente

Provincia immobile

Stato ricerca immobile