Logo MutuiOnline
Altri marchi del Gruppo
CONFRONTA I MUTUI SURROGA IL MUTUO ACQUISTA ALL’ASTA ASSICURA IL MUTUO OFFERTE E NOVITÀ GUIDE E STRUMENTI

Trend crescente dei mutui anche a gennaio

19/02/2016 in “MutuiOnline informa

domanda mutui

Si conferma a gennaio il trend positivo della domanda di mutui da parte dei risparmiatori italiani. Secondo il CRIF le richieste formali di finanziamento presentate alle banche e confluite poi in EURISC – il Sistema di Informazioni Creditizie che contiene i dati relativi a oltre 78 milioni di posizioni creditizie - hanno fatto segnare +48,6% rispetto al primo mese del 2015, periodo che a sua volta si era caratterizzato per un forte incremento sull’anno precedente.

Esaminando l’andamento della domanda degli ultimi due anni si rileva un progressivo recupero verso i volumi pre-crisi, anche se ancora permane un certo ritardo rispetto al triennio 2009-2011.

Il primo dato che risalta è che l’importo medio richiesto continua a contrarsi, attestandosi a 120.144 euro. Il valore è il più basso in assoluto da quando CRIF ha iniziato a rilevare in modo sistematico la dinamica della domanda. L’ammontare registrato è inferiore di oltre 5 mila euro rispetto a quanto misurato a gennaio 2015 (125.918 euro) e ben al di sotto della cifra accertata all’inizio del 2010, quando la somma si attestava sui 138.500 euro.

La riduzione degli importi domandati è frutto sia della consolidata tendenza da parte delle famiglie a privilegiare soluzioni in cui la rata incide il meno possibile sul reddito disponibile, che della diminuzione dei prezzi degli immobili disponibili sul mercato. Tuttavia, si deve considerare anche l’incidenza delle surroghe che per natura si caratterizzano per un importo più contenuto rispetto ai nuovi mutui.

Analizzando la distribuzione della domanda di mutui in relazione all’età del richiedente si osserva ancora una volta una maggior concentrazione nella classe compresa tra i 35 e i 44 anni con una quota pari al 36,4% del totale, sostanzialmente in linea con lo stesso periodo dello scorso anno. A seguire troviamo la fascia dei 25-34enni (25,4%) e 45-54enni (23%). Quasi i due terzi delle richieste sono state dunque presentate da under 44. Ancora pochi i giovani che hanno i requisiti per rivolgersi agli intermediari del credito in cerca di un mutuo, visto che solo l’1,9% delle domande hanno riguardato gli under 25.

Per quanto concerne la durata del finanziamento, la preferenza degli italiani si orienta maggiormente per la classe compresa tra i 15 e i 20 anni con una percentuale pari al 23,2% del totale, seguita dai mutui tra i 20 e i 25 anni che si fermano al 21,1%.

MutuiOnline.it permette di effettuare comparazioni per capire come si evolve il mercato dei finanziamenti finalizzati all'acquisto della casa. Considerando una richiesta di mutuo venticinquennale di 130 mila euro (valore dell’immobile 200.000 euro) da parte di un milanese 35enne con reddito di 2.600 euro mensili, è possibile conoscere le migliori proposte riferite al 18 di febbraio.

Il prestito a tasso fisso più conveniente è ancora una volta Mutuo Domus Fisso di Intesa Sanpaolo che propone una rata mensile di 589,77 euro con TAN del 2,6% e TAEG del 2,8%. Le spese di istruttoria e perizia sono pari rispettivamente a 600 e 320 euro mentre l’imposta sostitutiva ammonta a 325 euro.

A seguire troviamo Mutuo Fisso Prefissato di Webank, con una quota mensile di 609,75 euro e TAN del 2,9% (TAEG 2,96%). Non si versano spese di istruttoria e gestione, così come gratuita è la perizia e il costo della polizza casa: anche in questo caso l’imposta sostitutiva è pari a 325 euro.

Per il tasso variabile si distingue la proposta di Bancadinamica. L’istituto appartenente alla Cassa di Risparmio di San Miniato permette di pagare 508,57 euro mensili al tasso dell’1,31% (TAEG 1,37%); l’istruttoria è pari allo 0,25% dell’importo domandato (325 euro) e non ci sono costi di perizia. Per l’erogazione del mutuo è necessario essere titolari di un Conto BancadinAmica di pari intestazione.

A cura di Paola Campanelli
Come valuti questa notizia?
Trend crescente dei mutui anche a gennaio Valutazione: 4/5
(basata su 1 voti)
Segnala via email Stampa
ARTICOLI CORRELATI:
Immobili di pregio, prezzi in rialzo a Milano e Firenze pubblicato il 13 agosto 2017
Pagamento in ritardo della rata del mutuo: cosa succede? pubblicato il 13 ottobre 2017
I mutui più convenienti di giugno pubblicato il 12 giugno 2017
Primi aumenti per i prezzi degli immobili pubblicato il 13 luglio 2017
Case vacanze: comprare costa sempre meno pubblicato il 3 ottobre 2017
Oppure clicca qui per essere richiamato
RICERCA MUTUO
Finalità mutuo

Tasso
Valore immobile

Importo e durata mutuo
anni
Età richiedente
anni
Posizione lavorativa

Reddito
 € netti mese
Domicilio richiedente

Provincia immobile

Stato ricerca immobile